Imre Madách

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Imre Madách

Imre Madách (Dolná Strehová, 20 gennaio 1823Dolná Strehová, 5 ottobre 1864) è stato un drammaturgo e scrittore ungherese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Di famiglia nobile, studiò filosofia e legge; fu un funzionario di provincia. Partecipò alla Rivoluzione del 1848 in Ungheria, ma al crollo della rivoluzione venne sempre più emarginato. Dall’isolamento e dal fallimento politico nacque “La tragedia dell'uomo”, l'opera principale di Madách, che fino ad allora era un nobile di campagna senza nessuna fama letteraria. Mandò il manoscritto al poeta Arany [1] che lo incoraggiò entusiasticamente e gli suggerì alcune correzioni al testo.

Opera[modifica | modifica sorgente]

  • Lantvirágok (1840)
  • La regina Maria (Mária királynő, 1840-1855)
  • Férfi és nő (1843)
  • Csák végnapjai (1843-1861)
  • Vadrózsák (1844)
  • Il civilizzatore (A civilizátor, 1859)
  • Mosè (Mózes, 1861)
  • La tragedia dell’uomo (Az ember tragédiája, 1852-1861)
  • Tündérálom (1864)

La tragedia dell’uomo[modifica | modifica sorgente]

Illustrazione di Mihály Zichy: La tragedia dell’uomo (Az ember tragédiája).

L'opera più importante di Imre Madách è “La tragedia dell'uomo” (in ungherese Az ember tragédiája). È stata tradotta in più di 18 lingue e rappresentata largamente nel mondo. Oggi è la principale pièce nel repertorio teatrale ungherese ed è una lettura obbligatoria per gli studenti delle scuole superiori. Parecchi versi vengono citati di frequente o sono divenuti dei modi di dire.
Inizialmente il dramma venne dato alla stampa e pubblicato, ma non messo in scena: la sua realizzazione infatti prevedeva innumerevoli cambiamenti di scena (ben 15) che erano difficilmente eseguibili con i mezzi tecnici dell’epoca.
“La tragedia dell'uomo” è influenzata dal Faust di Goethe ed elabora dei concetti affini. La previsione della scomparsa dell'uomo è stata interpretata come una reazione alla ragione illuminista e un rifiuto della fede nel progresso, oltre che un riflesso della vanità delle cose umane.
L'opera è composta di quindici scene, per un totale di circa 4.000 versi nei quali vengono rappresentate dieci epoche storiche. I personaggi principali sono Adamo, Eva e Lucifero. I tre viaggiano nel tempo facendo tappa nei momenti decisivi della storia umana. Lucifero cerca di convincere Adamo che la vita è senza senso e lo sarà sempre di più, finché il genere umano non si estinguerà. Adamo e Lucifero vengono presentati all'inizio di ogni scena: Adamo ricopre vari ruoli importanti nella storia, mentre Lucifero generalmente è un servo o un consigliere. Eva entra solo più tardi, a scena in corso.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ J. Arany (1817-1882), amico di Petőfi, fu uno dei più grandi poeti dell'Ottocento ungherese.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 39420074 LCCN: n81014404