Notte e giorno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Notte e giorno
Titolo originale Night and Day
Autore Virginia Woolf
1ª ed. originale 1919
Genere romanzo
Lingua originale inglese

Notte e giorno (Night and Day) è un romanzo di Virginia Woolf, pubblicato la prima volta il 20 ottobre 1919. Ambientato a Londra, esso racconta la vita quotidiana di due amiche Katharine Hilbery e Mary Datchet. Il romanzo esamina i loro rapporti tra amore, matrimonio, felicità e successo.

Dialogo, descrizioni, pensieri e azioni sono utilizzati in pari importo, a differenza del successivo libro della Woolf Gita al faro. Sono presenti quattro grandi caratteri (Katharine Hilbery, Mary Datchet, Ralph Denham, e William Rodney). La trama si occupa di questioni riguardanti le donne del suffragio, se l'amore e il matrimonio possono coesistere, e se il matrimonio è necessario per la felicità. I motivi di tutto il libro comprendono il cielo e le stelle, il Tamigi, e le passeggiate; inoltre molto dell'opera prende riferimento dagli scritti di William Shakespeare, in particolare da Come vi piace.

Personaggi[modifica | modifica sorgente]

Katharine Hilbery[modifica | modifica sorgente]

Katharine Hilbery è una protagonista. Nipote di un indistinto e fittizio poeta, si presenta come parte di una classe privilegiata. Anche se lei è premiata per le sue doti letterarie, Katharine segretamente preferisce matematica alla letteratura. All'inizio del romanzo Katharine è impegnata a William Rodney; ma alla fine accetta di sposare Ralph Denham. La madre di Katharine svolge un ruolo significativo nella vita della figlia, mentre il padre il signor Hilbery, è visto solo una volta. Sebbene Mary e Katharine siano i principali caratteri femminili non interagiscono tra loro quasi mai. Katharine è una persona molto solitaria, e il conflitto tra il matrimonio e l'indipendenza è evidente in lei.

Ralph Denham[modifica | modifica sorgente]

Un avvocato che ha di tanto in tanto pubblica articoli del padre di Katherine, Ralph Denham è in costante perseguimento della ragazza. Più volte cammina impettito attraverso le strade di Londra, passando spesso davanti alla casa di lei sperandodi vederla. Il rapporto di Ralph con William Rodney è relativamente formale, mentre Ralph quello con mary è molto più amichevole. A un certo punto nella storia Ralph realizza di essere innamorato di Mary e si propone ma alla fine capisce di amare davvero soltanto Katharine.

Mary Datchet[modifica | modifica sorgente]

Mary Datchet, figlia di un vicario del paese, è un lavoratore a suffragio della città. Anche se avrebbe potuto vivere comodamente senza lavorare sceglie il lavoro. Mary può essere considerata come un parallelo della figura della stessa autrice Virginia Woolf, come specificato in Una stanza tutta per sé e in altri saggi femministi. La vita romantica di Mary è di breve durata e non ha successo. Lei si innamora selvaggiamente di Ralph Denham, e desidera spostare verso il paese con lui. Tuttavia, quando egli propone, lei lo respinge giudicandolo non sincero. Invece decide di partire per l'America. Mary serve anche come uno sbocco emotivo per i personaggi, in particolare per Ralph e Katharine. Ogni volta che i due o gli altri personaggi hanno bisogno di qualcuno per rivelare illoro amore o la loro angoscia vanni a prendere il tè da lei.

William Rodney[modifica | modifica sorgente]

Rodney è un poeta in erba e la gente spesso ascolta le sue mediocri opere. È il primo interesse romantico di Katharine, ma è attratto soprattutto da lei per lo status del nonno di uno dei maggiori lirici inglesi. Rodney spesso cerca di impressionare Katharine. Dopo che la ragazza fugge da lui il poeta si interessa a Cassandra Otway, cugina di Katharine. Mentre Katharine rappresenta la nuova generazione di idee sul matrimonio, Cassandra rappresenta la vecchia, Vittoriana concezione dell'unione matrimoniale: la donna serve l'uomo. Alla fine del libro, Rodney si impgna con Cassandra.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura