Niya (bacino del Tarim)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Sito archeologico}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Coordinate: 37°06′36″N 82°53′13″E / 37.11°N 82.886944°E37.11; 82.886944

Tessuto batik proveniente da Niya

Le rovine di Niya (cinese semplificato:尼雅遗址; cinese tradizionale: 尼雅遺址, pinyin: Níyǎ Yízhǐ) sono un sito archeologico situato nei pressi dell'odierna città di Minfeng, sul confine meridionale del bacino del Tarim nello Xinjiang, Cina. Numerosi reperti archeologici sono stati scavati in questo posto.

Niya era un importante centro di commercio in un'oasi sulla tratta meridionale dell'antica via della seta, nella parte meridionale del deserto di Taklamakan. In tempi antichi le carovane la attraversavano trasportando beni dalla Cina all'Asia centrale.[1][2]

Scavi[modifica | modifica wikitesto]

L'approvazione ufficiale per degli scavi congiunti tra Cina e Giappone fu concessa nel 1994. I ricercatori hanno scoperto i resti di abitazioni comprese 100 case, aree di sepoltura, capannoni per animali, frutteti, giardini e campi coltivati. Hanno anche ritrovato nelle case arnesi ben conservati quali scuri e falcetti in ferro, clave in legno e giare in ceramica con resti dei raccolti. I resti umani hanno permesso di risalire alla loro origine.[3]

I ritrovamenti archeologici delle rovine di Niya sono oggi esposti presso il Museo nazionale di Tokyo.[1]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Luce Boulnois, Silk Road: Monks, Warriors & Merchants, Hong Kong, Odessey Books & Guides, 2005, p. 458, 501, ISBN 962-217-721-2.
  2. ^ The Most Important Findings of Niya in Taklamakan, The Silk Road. URL consultato il 21 luglio 2007.
  3. ^ Niya yields buried secrets, China Daily. URL consultato il 21 luglio 2007.