Neophocaena phocaenoides

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Neofocena
Finless porpoise size.svg
Neophocaena phocaenoides
Stato di conservazione
Status iucn3.1 VU it.svg
Vulnerabile[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Sottoclasse Eutheria
Ordine Cetacea
Sottordine Odontoceti
Famiglia Phocoenidae
Genere Neophocaena
Specie N. phocaenoides
Nomenclatura binomiale
Neophocaena phocaenoides
G. Cuvier, 1829
Sinonimi

Neophocaena phocaenoides

Areale

Cetacea range map Finless Porpoise.PNG

La neofocena (Neophocaena phocaenoides) è una delle sei specie di focene. Nelle acque intorno al Giappone, all'estremità settentrionale del suo areale, è conosciuta come sunameri. I membri di una popolazione d'acqua dolce che vive nel fiume Yangtze, in Cina, sono conosciuti localmente come jiangzhu o "maiali di fiume".

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La neofocena vive nelle acque costiere dell'Asia, soprattutto intorno ad India, Cina, Indonesia e Giappone. Una particolare popolazione di acqua dolce vive nel fiume Yangtze. All'estremità occidentale, il loro areale comprende la zona che va dalle coste occidentali dell'India fino al golfo Persico. In tutto il loro areale, queste focene risiedono in acque basse (fino a 50 m), nei pressi della costa, in acque con fondali soffici e sabbiosi. In casi eccezionali sono state incontrate a 160 chilometri al largo del mar Cinese Orientale e del mar Giallo, anche se sempre in acque basse.

Descrizione fisica[modifica | modifica wikitesto]

Neofocena che si rotola sott'acqua

La neofocena è quasi completamente priva di pinna dorsale. Al suo posto è presente una bassa cresta ricoperta da una spessa pelle denticolata. Questo dimostra che la forma ottimale del corpo che si è evoluta negli squali, nei delfini e nelle focene non è la sola forma del corpo possibile per un animale marino.

Le neofocene adulte sono di colore grigio chiaro uniforme. I piccoli neonati sono soprattutto neri con una zona grigia intorno alla cresta dorsale e diventano completamente grigi dopo 4-6 mesi. Gli adulti raggiungono 1,55 m di lunghezza e 30-45 kg di peso. I maschi diventano sessualmente maturi intorno a 4-6 anni di età e le femmine intorno ai 6-9 anni.

Dieta[modifica | modifica wikitesto]

Si ritiene che nel fiume Yangtze le neofocene si nutrano di pesci e gamberetti, e di pesci, gamberetti e calamari nella zona del mar Giallo/Bohai e al largo del Pakistan. Nelle acque giapponesi sappiamo che si nutrono di pesci, gamberetti, calamari, seppie e polpi. Le neofocene sono predatori opportunisti e si nutrono di una vasta gamma di cibi disponibili nel loro habitat. Non sono stati studiati i cambiamenti stagionali della loro dieta. Quando vivono in estuari, tra le mangrovie o nei fiumi ingeriscono apparentemente anche materiale vegetale, come foglie, riso e le uova deposte tra la vegetazione.

Struttura sociale[modifica | modifica wikitesto]

Due neofocene nuotano sott'acqua

Le neofocene si trovano generalmente da sole, in coppia, o in gruppi fino a 12 individui, sebbene siano state avvistate anche aggregazioni di circa 50 esemplari. I dati recenti suggeriscono che l'unità di base dei pod di neofocene sia la coppia madre/piccolo o una coppia di due adulti, e che i gruppi di tre o più individui siano aggregazioni di queste unità o di individui solitari. La struttura sociale in questa specie non sembra essere particolarmente sviluppata e la coppia madre/piccolo è probabilmente l'unica unità sociale stabile.

Comportamento e riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

Come altre focene, il loro comportamento tende a non essere così energico e spettacolare come quello dei delfini. Non cavalcano le onde delle scie e in alcune aree sembrano temere le imbarcazioni. Nel fiume Yangtze, si sa che le focene attere saltano fuor d'acqua e si tengono "in piedi" sulla coda. Il parto avviene in tarda primavera e agli inizi dell'estate, dopo un periodo di gestazione di 10-11 mesi. I piccoli si aggrappano all'area di pelle denticolata del dorso delle loro madri e vengono trasportati da esse quando nuotano. I piccoli sono svezzati a 6-15 mesi.

Stile di nuoto[modifica | modifica wikitesto]

Una focena guarda verso la fotocamera

Sebbene in acqua non compiano alcuna acrobazia, si crede che le neofocene siano nuotatrici molto attive. Generalmente nuotano appena al disotto della superficie dell'acqua e si ruotano su un fianco quando riemergono per respirare. Questo movimento rotatorio disturba molto poco la superficie dell'acqua, così, quando riemergono per respirare, sembra che sorvolino la superficie. Generalmente rimangono in superficie per un minuto, effettuando 3 o 4 veloci respiri in successione prima di reimmergersi velocemente nell'acqua. La focena spesso copre una grande distanza tra un punto dove emerge in superficie e l'altro.

Conservazione[modifica | modifica wikitesto]

Non esistono dati sufficienti per classificare le neofocene tra le specie in pericolo, eccetto che in Cina, dove sono minacciate. Dal momento che questa è la più costiera tra tutte le focene, è quella che entra più in contatto con l'uomo. Queste interazioni la mettono spesso a rischio. Come altre focene, un grande numero di esemplari di questa specie rimane ucciso negli intrappolamenti nelle reti da pesca. La neofocena è stata largamente cacciata in Giappone con fucili ed arpioni per pesci, ma attualmente è posta sotto protezione dalla legge internazionale. Inoltre, diversamente da altri membri di questa famiglia, le neofocene vivono in cattività per più di 15 anni.

Non esistono stime precise di quale sia il numero di questi animali. Comunque, il confronto tra due censimenti, uno della fine degli anni settanta ed un altro dal 1999-2000, mostra un declino della popolazione e della distribuzione. Gli scienziati credono che questo declino continui da decenni e che la popolazione attuale sia appena una piccola parte di quella vissuta in tempi storici. Una spedizione del 2006 ha stimato che nel fiume Yangtze sopravvivano meno di 400 esemplari di questo animale.

Alla fine del 2006 è stato stimato che in Cina rimangano solo 1400 esemplari di questa focena, 700-900 nello Yangtze ed altri 500 nei laghi Poyang e Dongting.

I livelli di popolazione del 2007 sono meno della metà di quelli del 1997 e la popolazione diminuisce del 7,3 per cento all'anno. Gli attuali sforzi di conservazione sono stati compiuti insieme a quelli che erano rivolti al recentemente estinto baiji. Nel 1990 5 individui vennero trasportati nella Riserva Naturale dell'Ansa di Tian-e-Zhou e attualmente una popolazione di 28 focene risiede stabilmente nel lago.

Il dragaggio della sabbia è divenuto un fattore importante dello sviluppo economico locale negli ultimi anni ed è un'importante fonte di reddito nella regione che circonda il lago Poyang. Ma allo stesso tempo, i progetti di dragaggio ad alta densità sono diventati la causa principale di morte delle popolazioni locali di animali.

I dragaggi rendono l'acqua del lago fangosa e le focene non possono vedere così lontano come facevano una volta e possono contare solamente sui loro sistemi di sonar altamente sviluppati per evitare gli ostacoli e per cercare il cibo. Grandi navi entrano ed escono dal lago ad un tasso di due al minuto e l'alta densità di navigazione rende difficile alle focene sentire il loro cibo, oltre a non rendere più possibile a questi animali di nuotare da un banco all'altro come facevano una volta.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Neophocaena phocaenoides in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.3, IUCN, 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  1. http://www.cnn.com/2006/TECH/science/12/13/china.dolphin.ap/index.html
  2. Scientists Join Hands to Seek the Last Yangtze River Dolphin. WWF China. Retrieved on 2007-08-19.
  3. http://www.chinadialogue.net/article/show/single/en/839-Poyang-Lake-saving-the-finless-porpoise

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi