Nannina de' Medici

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Signoria di Firenze
De' Medici
Coat of arms of the House of Medici.svg

Cosimo il Vecchio
Piero il Gottoso
Lorenzo il Magnifico
Piero il Fatuo
Giovanni, papa Leone X
Giuliano, duca di Nemours
Figli
Lorenzo, duca di Urbino
Figli
Giulio, papa Clemente VII
Ippolito
Figli
Alessandro, duca di Firenze
Modifica

Nannina de' Medici, battezzata come Lucrezia (Firenze, 14 febbraio 144814 maggio 1493), era la figlia secondogenita di Piero di Cosimo de' Medici e Lucrezia Tornabuoni e sorella maggiore di Lorenzo il Magnifico.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nannina de' Medici, presunto ritratto come angelo reggicorona di destra, Madonna del Magnificat (1481), Sandro Botticelli, Uffizi[senza fonte]

Ebbe un'educazione colta e raffinata, ma comunque meno approfondita rispetto a quella dei fratelli maschi Lorenzo e Giuliano. Nannina era il nome familiare della bisnonna Piccarda Bueri.

Di lei sono stati attribuiti due ritratti legati alla commitenza del padre: uno, piuttosto improbabile, nella Cappella dei Magi nel gruppo di cavalieri nella parete di Giovanni VII Paleologo (probabilmente di tratta di tre fanciulli)[1], e un altro, idealizzato, nella Madonna del Magnificat di Sandro Botticelli, dove è raffigurata come l'angelo di destra che sorregge la corona della Madonna.

Tenuta in grande conto dai fratelli, fu anche grazie al loro prestigio che si sposò, l' 8 giugno 1466, con il letterato umanista Bernardo Rucellai. Il loro matrimonio rimase negli annali per la magnificenza e la profusione di festeggiamenti e banchetti: celebrato nella Loggia Rucellai, costruita su progetto di Leon Battista Alberti, dal puntuale rendiconto di spesa che ci è pervenuto si conosce l'elenco enorme di viveri consumati.

Insieme al marito comprò gli Orti Oricellari, un famoso giardino dove si riunì l'Accademia neoplatonica.[2]

Ebbe due figli maschi, Palla e Giovanni. Morì nel maggio 1493.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ La scena delle tre sorelle Medici, Cappella dei Magi, Benozzo Gozzoli.
  2. ^ Mariella Zoppi, Guida ai giardini di Firenze, Gardens of Florence, Alinea Editrice, Firenze 2001. ISBN 88-8125-450-6.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Marcello Vannucci, Le donne di casa Medici, Newton Compton Editori, Roma 1999, (rist.2006) ISBN 88-541-0526-0

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]