Mucor

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Mucor
Mucor spec. - Lindsey 1b.jpg
Mucor mucedo
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Fungi
Divisione Zygomycota
Classe Zygomycetes
Ordine Mucorales
Famiglia Mucoraceae
Genere Mucor

Mucor è un genere di muffe rinvenute comunemente sulla superficie del suolo o delle piante, o nei vegetali divenuti marci o nei prodotti da forno andati a male (ad esempio, la muffa del pane). Alcune specie si sono altresì rivelate utili nella produzione dei formaggi e trovano applicazione nell'industria casearia.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Le colonie del genere Mucor hanno una temperatura ottimale di crescita compresa tra i 25-30 °C e possono rapidamente arrivare a ricoprire l'intero mezzo di crescita.[1] Le colonie possono svilupparsi fino a diversi centimetri in altezza e sono di aspetto bianco e lanugginoso con un nucleo leggermente scuro. Le colonie più vecchie hanno colorazione dal grigio a marrone a causa dello sviluppo di spore.

I sporangiofori dei Mucor possono essere semplici o ramificati e formano sporangi globulari che sono supportati e si elevano tramite una colonna con forma descritta da Columella. I funghi Mucor possono essere differenziati da muffe quali quelle dei generi Absidia, Rhizomucor e Rhizopus in base all'assenza di stoloni e rizoidi.

Molte specie di Mucor non sono infettive per gli esseri umani e gli animali endotermi, a causa del fatto che non sono in grado di svilupparsi in ambiente con temperatura superiore ai 37 °C.[1] Una specie termoresistente, Mucor indicus, è l'unica che può rivelarsi infettiva, causando una particolare forma di zigomicosi, la mucormicosi.

Specie principali[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Mucor spp., doctorfungus.org. URL consultato il 23 agosto 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

micologia Portale Micologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di micologia