Moritz Hartmann

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Moritz Hartmann

Moritz Hartmann (Dušnik, 15 ottobre 1821Vienna, 13 maggio 1872) è stato un poeta austriaco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1844 lasciò il regime dittatoriale austriaco e pubblicò a Lipsia poesie di graffiante satira contro Francesco Giuseppe e Metternich.

Tornato in patria nel 1847, fu incarcerato e poi liberato a seguito dei moti del 1848, quindi passò a guidare i liberali a Praga e divenne parlamentare. Fu un acuto e graffiante osservatore della società e spesso rivolse satire ai suoi colleghi che ogni giorno incontrava.

Fu poi nuovamente profugo e si rifugiò a Parigi (1854-1860), Ginevra (1860-1863), Stoccarda (1863-1868) prima di ritornare a Vienna, ove la situazione politica si stava ammorbidendo. Suo figlio Ludo Moritz fu un grande politico socialdemocratico.

Spesso le sue penetranti opere furono più apprezzate in Francia che nella natia Boemia.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • la Coupe et l'Épée (Leipzig, 1845) ;
  • les Nouvelles poésies (Leipzig, 1847) ;
  • la Guerre autour du bois (Francfort, 1850) ;
  • Adam et Ève (Leipzig, 1851) ;
  • les Ombres (Darmstadt, 1852) ;
  • Journal d'un voyage en Provence et dans le Languedoc (Leipzig, 1853, 2 vol.) ;
  • Récits d'un vagabond (Berlin, 1858, 2 vol.) ;
  • Récits à mes amis (Francfort, 1860) ;
  • Portraits et bustes (Francfort, 1860) ;
  • De printemps en printemps (Berlin, 1861) ;
  • Nouvelles (Hambourg, 1863) ;
  • le Prisonnier de Chillon (Hambourg, 1863) ;
  • les Derniers jours d'un roi (Stuttgart, 1866) ;
  • D'après nature (Stuttgart, 1866)

Controllo di autorità VIAF: 102343304 LCCN: n85348438