Mikołaj Radziwiłł

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mikołaj "il Rosso" Radziwiłł

Mikołaj Radziwiłł, detto "il Rosso" (Mikołaj VI Radziwiłł; 151227 aprile 1584), in polacco Rudy, in lituano Radvila Rudasis, fu un importante szlachcic del Granducato di Lituania prima e della Confederazione Polacco-Lituana poi. Conte palatino di Vilnius, Gran cancelliere e Grand Hetman di Lituania, ottenne anche il rango di Reichsfürst nel Sacro Romano Impero Germanico per sé e la sua famiglia.

Insieme al cugino, Mikołaj "il Nero", Mikołaj "il Rosso" creò una forte compagine all'interno della nobiltà lituana, permettendo al clan di mantenere una posizione di preminenza con la creazione di un vero e proprio potere dinastico (cosa questa molto evidente, per esempio, nel susseguirsi di membri della famiglia quali Grand Hetman di Lituania).

Mikołaj Radziwiłł si oppose apertamente all'Unione di Lublino (1569) e rifiutò di sottoscrivere l'atto, ritenendolo lesivo degli interessi lituani a tutto vantaggio del Regno di Polonia. Nonostante ciò, in qualità di Grand Hetman, Mikołaj "il Rosso" difese i confini orientali della Confederazione durante il conflitto tra il Granducato di Moscovia ed il re Stefano I di Polonia.

Mikołaj Radziwiłł sposò nel 1542 Katarzyna Tomicka z Iwna che gli diede due eredi maschi: Mikołaj VII Radziwiłł e Krzysztof Mikołaj "il Fulmine" Radziwiłł.

Mikołaj "il Rosso" Radziwiłł, come il cugino Mikołaj "il Nero", fu uno dei più importanti fautori della Riforma Protestante nella Confederazione Polacco-Lituana. I suoi discendenti furono assidui sostenitori della Chiesa Riformata Polacca.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Grand Hetman di Lituania Successore
Grzegorz Chodkiewicz 1576 - 1584 Krzysztof Mikołaj Radziwiłł

Controllo di autorità VIAF: 13372344 LCCN: n84121744