Menkalinan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Menkalinan A / B / C
Mappa della costellazione dell'AurigaMappa della costellazione dell'Auriga
Classificazione Stella tripla
Classe spettrale A1IV / A1IV / MV[1]
Tipo di variabile Binaria a eclisse
Periodo di variabilità 3,96 giorni
Distanza dal Sole 81,1 anni luce
Costellazione Auriga
Coordinate
(all'epoca J2000)
Ascensione retta 05h 59m 31.7s [1]
Declinazione +44° 56′ 51″[1]
Dati fisici
Raggio medio 2,87 / 2,37 / ?[2] R
Massa
2,39 / 2,33 / ?[3] M
Temperatura
superficiale
9050 / 9000 / ? K[2] (media)
Luminosità
52 / 45 / ?[4] L
Metallicità 100% rispetto al Sole
Età stimata 500 milioni di anni
Dati osservativi
Magnitudine app. +1.90 (+2,56 / +2,80 / +14,1)
Magnitudine ass. −0.11 (combinata)
Parallasse 39.72 ± 0,78 mas[1]
Moto proprio AR: -56.41 mas/anno
Dec: −0.88 mas/anno[1]
Velocità radiale -18.2 km/s[1]
Nomenclature alternative
Menkarlina, β Aur, 34 Aur, HR 2088, BD +44°1328, HD 40183, SAO 40750, NN 3375, GC 7543, FK5 227, ADS 4556, CCDM 05596+4457, HIP 28360

Menkalinan (β Aur / β Aurigae / Beta Aurigae) è un sistema stellare triplo situato nella costellazione dell'Auriga, distante 81 anni luce dal sistema solare[5]. Menkalinan è inoltre un membro dell'Associazione dell'Orsa Maggiore.

Nome[modifica | modifica wikitesto]

Il nome Menkalinan, a volte scritto Menkarlina, deriva dalla contrazione del termine arabo منكب ذي العنان mankib ðī-l-‘inān "spalla del cocchiere". Era conosciuta come 五車三 (la terza stella delle cinque carrozze) dagli astronomi della Cina feudale.

Osservazione[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di una stella situata nell'emisfero celeste boreale. La sua posizione è fortemente boreale e ciò comporta che la stella sia osservabile prevalentemente dall'emisfero nord, dove si presenta circumpolare anche da gran parte delle regioni temperate; dall'emisfero sud la sua visibilità è invece limitata alle regioni temperate inferiori e alla fascia tropicale. La sua magnitudine pari a 1,9 fa sì che possa essere scorta anche con un cielo affetto da inquinamento luminoso.

Il periodo migliore per la sua osservazione nel cielo serale ricade nei mesi compresi fra fine ottobre e aprile; nell'emisfero nord è visibile anche per un periodo maggiore, grazie alla declinazione boreale della stella, mentre nell'emisfero sud può essere osservata limitatamente durante i mesi dell'estate australe.

Componenti del sistema[modifica | modifica wikitesto]

Menkalinan è un sistema stellare triplo, nonostante ad occhio nudo appaia come una stella singola. Le due componenti più brillanti, Beta Aurigae A e B, sono subgiganti bianche, classificate come stelle di classe A. Beta Aurigae B ha quasi la stessa massa e raggio della stella A. La terza stella, Beta Aurigae C, è una nana rossa di magnitudine 14 invisibile ad occhio nudo; questa dista circa 330 UA dalla coppia principale AB[6].

Variabilità[modifica | modifica wikitesto]

Le due stelle principali di Beta Aurigae costituiscono un sistema binario spettroscopico ad eclisse, la cui magnitudine apparente combinata varia con un periodo di 3.96004 giorni tra +1,89 e 1,98[7]. Quindi, dalla prospettiva della Terra, ogni 47.5 ore una delle due stelle eclissa parzialmente la sua compagna.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f (EN) HD 40183, SIMBAD. URL consultato il 06-03-2009.
  2. ^ a b Early-type binaries on main sequence (Khaliullin+, 2010)
  3. ^ Behr, Bradford B. et al., Stellar Astrophysics with a Dispersed Fourier Transform Spectrograph. II. Orbits of Double-lined Spectroscopic Binaries in The Astronomical Journal, vol. 142, nº 1, luglio 2011), p. 6, DOI:10.1088/0004-6256/142/1/6.
  4. ^ Angular momentum evolution of Algol binaries (Ibanoglu+, 2006)
  5. ^ Extended Hipparcos Compilation (XHIP) (Anderson+, 2012)
  6. ^ Menkalinan (Stars, Jim Kaler)
  7. ^ AAVSO International Variable Star Index VSX (Watson+, 2006-2013) AAVSO

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

stelle Portale Stelle: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di stelle e costellazioni