Mare di papaveri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mare di papaveri
Titolo originale Sea of poppies
Autore Amitav Ghosh
1ª ed. originale 2008
1ª ed. italiana 2008
Genere romanzo
Lingua originale inglese
Ambientazione India

Mare di papaveri è un romanzo dello scrittore indiano Amitav Ghosh, pubblicato il 14 ottobre 2008. Nelle intenzioni dell'autore, l'opera costituisce la prima parte di una trilogia.

Trama[modifica | modifica sorgente]

La storia è ambientata nell'India del XIX secolo, ai tempi della guerra dell'oppio. La prima parte della vicenda si svolge sulle rive del Gange, nel punto in cui questo sfocia nel Golfo del Bengala.
I personaggi principali della storia sono Deeti, una donna di bassa casta, Paulette, una giovane donna di origini francesi rimasta orfana, il suo amico di infanzia Jodu, un umile pescatore, Neel Rattan Haldar, un raja in rovina, e un marinaio americano di nome Zachary, figlio di una schiava liberata del Maryland.

I destini dei protagonisti si incrociano a bordo della Ibis, una goletta a due alberi di cui Zacary è comandante in seconda, con una ciurma composta da lascari, i leggendari marinai del Pacifico appartenenti alle razze più disparate, cinesi e africani, arabi e malesi, bengalesi e tamil, che parlano un lingua tutta loro e non indossano altro abito che una striscia di tessuto intorno ai fianchi.

La nave, che fa rotta nell'Oceano Indiano verso le isole Mauritius trasportando un carico di schiavi, diventa teatro di scontri e conflitti ma anche di inattese solidarietà. Nel finale alcuni tra i protagonisti abbandonano la nave a bordo di una scialuppa, lasciando in sospeso la conclusione delle loro vicende e aprendo la strada al secondo capitolo della trilogia, Il fiume dell'oppio.

Note stilistiche[modifica | modifica sorgente]

Salutato dalla critica come il capolavoro della maturità di Amitav Gosh, l'opera si caratterizza per una accurata ricerca linguistica in cui l'inglese tipico dell'epoca si mescola, in base all'origine etnica dei personaggi e alla loro classe sociale, all'urdu, all'hindi e al bengalese oltreché al lascari, la misteriosa lingua dalle mille influenze etniche parlata dai marinai.

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Michelle Pauli, Booker longlist boost for first-time novelists in guardian.co.uk, 29 luglio 2008. URL consultato il 24 ottobre 2009.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura