Manjū

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Manjū
Il carintō manjū
Il carintō manjū
Origini
Luogo d'origine Giappone Giappone
Dettagli
Categoria dolce
Ingredienti principali Vigna angularis, farina, riso in polvere e grano saraceno
 

Il manjū (まんじゅう?) è un dolce tipico giapponese. Ci sono molte varietà di manjū, ma la maggior parte ha l'esterno a base di farina, riso in polvere e grano saraceno e un ripieno di anko, fatto di fagioli azuki bolliti e zucchero. Ci sono diversi tipi di pasta di fagioli utilizzate, tra cui la koshian, la tsubuan e la tsubushian.

Storia[modifica | modifica sorgente]

I manjū derivano da un tipo di mochi che esiste in Cina da molto tempo, chiamato in origine mantou in cinese, ma poi noto come manjū una volta giunto in Giappone. Nel 1341, un inviato giapponese tornato dalla Cina, portò dei manjū con sé e iniziò a venderli come Nara-manjū. Si dice che questa fu l'origine dei manjū giapponesi. Ora si possono trovare in molti negozi giapponesi di dolci. Il loro basso prezzo è una delle ragioni per cui sono famosi tra i giapponesi.