Manjū

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Manjū
Imo manju.jpg
Origini
Luogo d'origine Giappone Giappone
Dettagli
Categoria dolce
Ingredienti principali fagioli azuki, farina, riso in polvere e grano saraceno
 
Yunohana Manjū

Il manjū (まんじゅう?) è un dolce tipico giapponese. Ci sono molte varietà di manjū, ma la maggior parte ha l'esterno a base di farina, riso in polvere e grano saraceno e un ripieno di anko, fatto di fagioli azuki bolliti e zucchero[1][2]. Ci sono diversi tipi di pasta di fagioli utilizzate, tra cui la koshian, la tsubuan e la tsubushian.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I manjū derivano da un tipo di mochi che esiste in Cina da molto tempo, chiamato originariamente mantou in cinese, ma poi noto come manjū una volta giunto in Giappone[1][3]. Nel 1341, un inviato giapponese tornato dalla Cina, portò dei manjū con sé e iniziò a venderli come Nara-manjū. Si dice che questa fu l'origine dei manjū giapponesi.

Ora si possono trovare in molti negozi giapponesi di dolci,e il loro basso prezzo è una delle ragioni per cui sono famosi tra i giapponesi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dolci giapponesi su marcotogni.it. URL consultato l'11/2/2015.
  2. ^ (EN) Manjū – Japanese Steamed Cake su sagacook.com. URL consultato l'11/2/2015.
  3. ^ Manjū su japanitaly.it. URL consultato l'11/2/2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]