Madvillainy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Madvillainy
Artista Madvillain
Tipo album Studio
Pubblicazione 24 marzo 2004ristampato nel 2008
Durata 46 min : 50 s
Dischi 1
Tracce 22
Genere Alternative rap
Etichetta Stones Throw Records
Produttore Madlib, MF DOOM
Registrazione 2002-2004
Formati CD
Madvillain - cronologia
Album precedente
MF DOOM - cronologia
Album precedente
(2003)
Album successivo
(2004)

Madvillainy è l'album di debutto del gruppo hip hop americano Madvillain, formato da MF DOOM (qui in veste di MC) e da Madlib (beatmaker). L'album è uscito 24 marzo 2004 per Stones Throw Records, ricevendo critiche positive.[1]

Informazioni[modifica | modifica wikitesto]

Madvillainy è stato apprezzato soprattutto per il suo approccio originale all'hip hop, fatto di canzoni brevi, liriche oscure, pochi ritornelli ed un suono poco commerciale. Il successo commerciale dell'album è stato modesto, infatti Madvillainy si è piazzato solo alla numero 179 della Billboard 200, ottenendo però l'attenzione di riviste che di solito non si occupano di musica hip hop, come il The New Yorker.

Dall'album sono stati tratti tre video: "All Caps", "Rhinestone Cowboy" ed "Accordion". "All Caps" e "Rhinestone Cowboy" sono comparsi sul DVD "Stones Throw 101", insieme a un video realizzato dai fan per "Shadows Of Tomorrow". Il video di "Accordion" è stato filmato nel 2004, ma è uscito solo nel 2008, all'interno del DVD In Living the True Gods.

Almeno due tracce di Madvillainy ("Rhinestone Cowboy" e "Strange Ways") sono state prodotte utilizzando un turntable portatile ed un sampler Boss SP303[2] in una stanza d'albergo in Brasile. La prima canzone di Madvillainy ad essere stata presentata è stata "America's Most Blunted", suonata da Madlib alla Red Bull Music Academy brasiliana a novembre 2002.

È uscita una versione strumentale dell'album in vinile e per il download online, priva però delle tracce "The Illest Villains", "Bistro", "Sickfit", "Do Not Fire!" e "Supervillain Theme". Due EP di remix di Madvillainy sono usciti per Stones Throw, a cura di Four Tet e Koushik.

La copertina dell'album, disegnata da Jeff Jank è un omaggio al primo album di Madonna.[3]

Recensioni[modifica | modifica wikitesto]

Rolling Stone (p. 146) - ha incluso nella Rolling Stone's Top 50 Records Of 2004 - "[T]wo of the funniest mouths in underground hip-hop."

Spin (p. 66) - ha classificato alla numero 17 nella Spin's "40 Best Albums of the Year" - "Madlib's production— thick, woozy slabs of beatnik bass— keeps things hotter than an underground volcano lair."

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. The Illest Villains - 1:55 - (Musica e testi: Madlib & MF DOOM)
    • Contiene un campione da "Beach Trip" di Morton Stevens
    • Contiene un campione da "Justice League of America Theme Song"
  2. Accordion - 1:59 - (Testi: MF DOOM - Musica: Madlib)
    • Contiene un campione da "Experience" di Daedelus (dall'album del 2002 Invention[4])
  3. Meat Grinder - 2:12 - (Testi: MF DOOM - Musica: Madlib)
    • Contiene un campione da "Sleeping in a Jar" di Frank Zappa
    • Contiene un campione da "Hula Rock" di Lew Howard & the All-Stars
  4. Bistro - 1:08 - (Testi: MF DOOM - Musica: Madlib)
    • Contiene un campione da "Second to None" degli Atlantic Starr
    • Contiene un campione da "I Keep Forgettin' (Every Time You're Near)" di Michael McDonald
  5. Raid - 2:31 - (Testi: MF DOOM & M.E.D. aka Medaphoar)
  6. America's Most Blunted - 3:54 - (Testi: MF DOOM, Madlib, Quasimoto - Musica: Madlib)
    • Contiene un campione da "Ninety Nine and a Half" dei Fever Tree
    • Contiene un campione da "Beatbox" dei The Fat Boys
    • Contiene un campione da "A Child's Garden of Grass" dei Firesign Theatre
    • Contiene un campione da "In the Rain" dei Dramatics
    • Contiene un campione da "Come Out" di Steve Reich
    • Contiene un campione da "Let's Get Dirty (I Can't Get in da Club)" di Redman
  7. Sickfit (Instrumental) - 1:22 - (Musica: Madlib)
    • Contiene un campione da "Family Affair" nella versione dei The Generation Gap
  8. Rainbows - 2:52 - (Testi: MF DOOM - Musica: Madlib)
    • Contiene un campione da "Kelly" di Marion Elling, William Loose & Stu Phillips
    • Contiene un campione da "Psycho Brahmin" di Paul Sawtell & Bert Shefter
    • Contiene un campione da "Crystaled Tears" di John Klemmer
  9. Curls - 1:36 - (Testo: MF DOOM - Musica: Madlib)
    • Contiene un campione tratto da "Airport Love Theme" di Waldir Calmon
  10. Do Not Fire! (Instrumental) - 0:53 - (Musica: Madlib)
  11. Shadows of Tomorrow - 2:36 - (Testi: Quasimoto e Madlib - Musica: Madlib)
    • contiene audio dal film Space Is the Place
    • contiene un'interpretazione dal poema di Sun Ra "Shadow of Tomorrow"
  12. Operation Lifesaver AKA Mint Test - 1:30 - (Testi: MF DOOM - Musica: Madlib)
    • Contiene un campione tratto da "Prepare Yourself" di George Duke
    • Contiene un campione tratto da "I Love the Blues" di George Duke
    • Contiene un campione tratto da "PSK (What Does It Mean)" di Schoolly D
  13. Figaro - 2:26 - (Testi: MF DOOM - Musica: Madlib)
  14. Hardcore Hustle - 1:22 - (Testi: Wildchild - Musica: Madlib)
  15. Strange Ways - 1:52 - (Testi: MF DOOM - Musica: Madlib)
  16. Fancy Clown - 1:56 - (Testi: Viktor Vaughn & Allah's Reflection - Musica: Madlib)
    • Contiene un campione tratto da "That Ain't the Way You Make Love" di Z. Z. Hill
  17. Eye - 1:58 - (Musica: Madlib)
  18. Supervillain Theme (Instrumental) - 0:53 - (Musica: Madlib)
    • Contiene un campione tratto da "Cold Gettin' Dumb" di Just-Ice
    • Contiene un campione tratto da "Adormeceu" di O Terço
  19. ALL CAPS - 2:10 - (Testi: MF DOOM - Musica: Madlib)
    • Contiene un campione tratto da "Delia" di Jeremy Storch
  20. Great Day - 2:17 - (Testi: MF DOOM - Musica: Madlib)
    • Contiene un campione tratto da "How Can You Believe" di Stevie Wonder
  21. Rhinestone Cowboy - 4:02 - Testi: MF DOOM - Musica: Madlib)
    • Contiene un campione tratto da "Jeansy" di Novi Singers

Crediti[modifica | modifica wikitesto]

  • Executive producer: Peanut Butter Wolf
  • Project coordinator: Egon
  • Project consultant: Miranda Jane
  • Mastering: Dave Cooley
  • Engineering: Dave Cooley, Madlib, MF Doom
  • Mixing: Dave Cooley
  • Design: Jeff Jank
  • Illustration: James Reitano

Notes[modifica | modifica wikitesto]

  • "All Caps" è anche visibile in formato QuickTime, una volta inserito in un computer il disco di Madvillainy.
  • Nell'episodio dei The Boondocks dal titolo Let's Nab Oprah, sono utilizzate tre canzoni da Madvillainy: "Raid", "All Caps" e "Strange Ways". Nell'episodio Wingmen, compare invece "Fancy Clown".
  • Uno snippet di "Do Not Fire" della sequenza di apertura dell'anime Samurai Champloo.
  • Alla fine dello speciale MTV dedicato a V per Vendetta (film), the titular character interrupts the show, ending his message with "and remember, all caps when you spell the man's name."
  • la rabbia di Viktor Vaughn, in "Fancy Clown", non è diretta unicamente contro la sua fantomatica ragazza, ma anche contro lo stesso DOOM ("Don't make me have to pound his tin crown face in"), {"That's you if you want a dude who wears a mask all day"}. Entrambi i personaggi sono alterego di Daniel Dumile.
  • "Raid" fa parte della Thom Yorke's Celebrity Playlist su iTunes.
  • "Money Folder" è stata utilizzata nel film Bomb The System.
  • I beats di "Strange Ways" e "Rhinestone Cowboy" sono stati prodotti in parte in una stanza d'hotel in Brasile, nel 2002.[5]
  • "Rainbows" è stata fatta oggetto di cover dal rapper Mos Def e dall'Hypnotic Brass Ensenble nel corso di un soundcheck di un concerto. Il video si può vedere su YouTube.com [1]

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Album - Billboard (North America)

Anno Album Posizione in classifica
Billboard 200 Top R&B/Hip Hop Albums Top Independent Albums Top Heatseekers
2004 Madvillainy numero 179 numero 80 numero 10 numero 9

Ristampe[modifica | modifica wikitesto]

L'album è stato ristampato dalla Stones Throw nel 2008, con l'aggiunta di remix di ogni traccia ed altri bonus.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Madvillain: Madvillainy (2004): Reviews
  2. ^ Stones Throw Records
  3. ^ Flowmagazine.net
  4. ^ Madvillain - note di copertina di Madvillainy
  5. ^ Stones Throw Records
hip hop Portale Hip hop: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di hip hop