Luigi Bottazzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Luigi Bottazzo (Presina di Piazzola, 9 luglio 1845Padova, 29 dicembre 1924) è stato un organista e compositore italiano.

Note biografiche[modifica | modifica sorgente]

All'età di nove anni perse la vista in un incidente. Studiò la musica presso l'Istituto dei ciechi a Padova, e nello stesso istituto, tempo dopo, fu nominato, a soli diciannove anni, insegnante di armonia, contrappunto ed organo.

L'illustre organista si esibì in molte chiese di Padova e paesi limitrofi, e nel 1872 divenne l'organista della Basilica di Sant'Antonio di Padova e insegnante d'organo. Il suo allievo più illustre fu Raffaele Casimiri, che divenne maestro di cappella presso la Basilica di San Giovanni in Laterano a Roma.

Le sue composizioni, di ottima fattura, sono più di 300 (compose molta musica, anche per le sue esigenze, per organo o armonium, ma anche per canto e pianoforte, pianoforte solo, a voci sole, per voci ed organo).

Partecipò molto attivamente ai congressi di musica sacra, recandovi varie relazioni a sostegno del Movimento Ceciliano. Pubblicò una serie di testi teorici adottati anche da alcuni conservatori di musica.

Morì a Padova nel 1924.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Alcune sue composizioni (Titolo e numero dell'opera):

  • 25 Trios, op. 101;
  • 24 Preludi facili, op. 104;
  • 100 Versetti, op. 105 (2 volumi);
  • Preludio per G.O., op. 113;
  • 6 Pezzi per organo, op. 120;
  • la Santa Messa, op. 126;
  • Corale ed Offertorio, op. 194;
  • 7 Marce religiose, op. 204;
  • Piccola Suite, op. 207;
  • Sonata in Re minore, op. 210;
  • Messa S.Teresa del Bambin Gesù, op.229;
  • Messa S.Clara Vergine, op.262;
  • Laudate Eum in Chordis et Organo, op. 269 (sette entrate solenni);
  • 4 Pastorali, op. 279;
  • Missa pro Defunctis, op. 281;
  • Messa S.Tarcisio, op.318;
  • Laus Tibi Christe, op. 339;
  • Messa nuziale, op. 368;

Composizioni e il tratto l'Harmonium, metodo completo per studiare l'harmonium.

Composizioni e Partiture[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • A. Della Corte e G.M. Gatti - Dizionario di Musica - Paravia Edizioni 1952 e 1958.