Luigi Aurigemma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Luigi Aurigemma (Napoli, 5 novembre 1923Parigi, 16 agosto 2007) è stato un psicanalista e scrittore italiano naturalizzato francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque in una famiglia di archeologi e si laureò in Filosofia presso l'Università di Roma La Sapienza nel 1945. Dal 1947 si trasferì a Parigi per motivi di studio e lì cominciò il suo percorso analitico. Per approfondire la sua analisi, si trasferì a Zurigo nel 1961 per lavorare prima con Lilian Frey e poi con Marie-Louise von Franz, dove si laureò al C. G. Jung Institute nel 1966. Ritornato quindi a Parigi, venne nominato professore alla École des Haute Études[1], per introdurre gli studi junghiani nel contesto delle idee e del movimento psicoanalitico.

Dal 1966 fino al 2007 fu curatore dell’intera opera di Jung per la casa editrice Bollati Boringhieri[2]. I suoi scritti vanno visti sia come una vera ricerca della morte e della vita dopo la morte, sia come la sua personale indagine sul significato della sofferenza che contraddistingue un'individuazione in senso junghiano.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Pantaleo Carabellese, La conscience concrète, Paris: Éd. Montaigne, 1955 (a cura di)
  • Alain Robbe-Grillet, Il voyeur, Torino: Einaudi, 1962 (traduzione)
  • Carl Gustav Jung, La dimensione psichica, Torino: Boringhieri, 1972; Bollati Boringhieri, 2003 ISBN 8833902986 (antologia, a cura di)
  • Il segno zodiacale dello scorpione nelle tradizioni occidentali dall'antichita graco-latina al Rinascimento, Torino: Einaudi, 1976 ISBN 8806524720; Paris: l'Herne, 2003 ISBN 9782851974310
  • Marie-Louise von Franz, Il mito di Jung, Torino: Boringhieri, 1978 (traduzione e introduzione)
  • Ania Teillard[3], Il mondo dei sogni: simboli, significati, interpretazioni, Milano: Feltrinelli, 1980 (a cura di)
  • Carl Gustav Jung, La saggezza orientale Torino: Bollati Boringhieri, 1983; Bollati Boringhieri, 2012 ISBN 9788833923239 (antologia, a cura di)
  • La sofferenza e il male nella prospettiva Junghiana, Rivista di Psicologia Analitica, n. 31, 1985
  • L’idea di spirito nel pensiero di C.G. Jung, in "Rivista di Psicologia Analitica", n. 32, 1985
  • Recenti studi su esperienze psichiche di morenti, Napoli: Istituto italiano per gli studi filosofici, 1987 ISBN 8877230053
  • Il concetto di sublimazione da Freud a Jung, in "Rivista di Psicologia Analitica", n. 36, 1987
  • Prospettive junghiane[4], Torino: Bollati Boringhieri, 1989 ISBN 8833904873; Paris: Albin Michel, 1992 ISBN 222605751X
  • Carl Gustav Jung, Opere, 19 voll., Torino: Bollati Boringhieri, 1966-2007 (anche trad. per i voll. 3, 6 e 11)
  • Il risveglio della coscienza. Balbettii metafisici, Torino: Bollati Boringhieri, 2008 ISBN 9788833919140

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ l'articolo su "La Repubblica".
  2. ^ l'articolo sul "Corriere della Sera".
  3. ^ Nata Anja Mendelssohn (1889-1978), psicologa junghiana e grafologa estone.
  4. ^ Da adnkronos.com

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Leslie De Galbert, Intervista con Luigi Aurigemma, in "Harvest", 52, n. 1, 2006, pp. 152–166.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]