Lingua tetum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Tetum (Lia-Tetun)
Parlato in Timor Est Timor Est
Persone 800.000
Classifica non nelle prime 100
Filogenesi Lingue austronesiane

 Lingue maleo-polinesiane
  Lingue maleo-polinesiane centro-orientali
   Lingue maleo-polinesiane centrali
    Tetun

Statuto ufficiale
Nazioni Timor Est e minoranze in Indonesia
Regolato da National Institute of Linguistics
(Istituto nazionale di linguistica)
Codici di classificazione
ISO 639-1 tet
ISO 639-2 tet
ISO 639-3 tet  (EN)
SIL TET  (EN)
Estratto in lingua
Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo, art. 1
Ema hotu hotu moris hanesan ho dignidade ho direitu. Sira hotu iha hanoin, konsiensia n'e duni tenki hare malu hanesan espiritu maun-alin.

Tetum (anche Tetun, precedentemente anche Belu) è una delle due lingue ufficiali di Timor Est. È una lingua maleo-polinesiana che ha assorbito molti elementi del portoghese e dell'indonesiano/malese. Allo stesso tempo anche la principale etnia di Timor Est viene definita Tetum, e usa questa lingua come lingua madre.

Etnia[modifica | modifica sorgente]

I Tetum, stirpe maleo-polinesiana costituita da circa 100.000 persone, sono la principale etnia di Timor Est. Sono emigrati solo nel XIV secolo a Timor, secondo i loro racconti, dalla penisola di Malacca. Inizialmente si insediarono al centro dell'isola e spinsero gli Atoin Meto nella parte occidentale di Timor. In seguito si espansero anche nella parte orientale e fondarono in tutto quattro regni, dei quali il più forte era quello di Wehale. La loro lingua divenne allora veicolare nella parte centro-orientale dell'isola. Ancora oggi i Tetum vivono al centro dell'isola da entrambi i confini e sulla costa sud-orientale.

Dialetti[modifica | modifica sorgente]

Panoramica generale delle lingue di Timor Est

Il Tetum era nato come Pidgin in seguito alla colonizzazione di Timor da parte del Portogallo. Sotto il dominio portoghese l'istruzione era possibile solo in portoghese, sebbene il Tetum e le altre lingue potessero essere usate. Il portoghese ebbe quindi un forte influsso sul dialetto tetum Tetun Prasa (port. Tétum-praça), che veniva parlato nella capitale Dili, in contrapposizione con quello parlato in campagna, il Tetun Terik. Oggi il Tetun Prasa è molto più diffuso e viene insegnato nelle scuole come Tétum Oficial. Durante il dominio coloniale portoghese il portoghese era la lingua ufficiale, ma il tetum veniva usato come lingua franca. Dopo l'annessione di Timor Est da parte dell'Indonesia la lingua portoghese venne vietata, anche se la Chiesa cattolica non teneva le messe in indonesiano, ma in Tetum e contribuì non poco alla conservazione della lingua e alla sua identità.

Secondo Ethnologue si distinguono i seguenti dialetti:

  • Tétum Oficial (Tetun Prasa, Tétum-praça, Tetun Dili, Dili Tetun)
  • Tetum orientale (Soibada, Natarbora, Lakluta)
  • Tetum meridionale (Lia Fehan, Tetum di campagna, Tasi Mani, Belu Selatan, Belu Tetun, Belunese)
  • Tetum settentrionale (Lia Foho, Tetum di collina, Tasi Feto, Belu Utara, Belu Tetun, Belunese)

Il Belu Tetum era la lingua dell'antico regno di Wehale.

Vocabolario[modifica | modifica sorgente]

Il nome tetum per Timor Est è Timor Lorosa'e, che tradotto letteralmente significa "Timor del sole che sorge". Lorosa'e deriva da loro ("Sole"). Loron significa "giorno".

La parola tetum per parola liafuan, derivata da lia ("voce") e fuan ("frutto").

Di origine austronesiana[modifica | modifica sorgente]

Parole austronesiane:

  • boot - "grande"
  • ki'ik - "piccolo"
  • mane - "uomo"
  • fetu - "donna"
  • foho - "monte"
  • tasi - "mare"
  • rain - "terra"

Di origine portoghese[modifica | modifica sorgente]

Portoghese e Tetum

Parole che derivano dal portoghese:

  • aprende - "imparare" (da aprender)
  • demais - "troppo"
  • entaun - "quindi", "ora" (da então)
  • eskola - "scuola" (da escola)
  • igreja - "chiesa"
  • istória - "storia" (dahistória)
  • paun - "pane" (da pão)
  • povu - "popolo" (da povo)
  • relijiaun - "religione" (da religião)
  • tenke - "dovere" (da tem que)
  • ajuda - "aiuto"

Come in indonesiano il suono [z] (in portoghese s o z) in Tetum viene spesso modificato in [ʒ] (scritto j). Esempi: meja ("tavolo") da mesa, kemeja ("camicia") da camisa. Le parole portoghesi b e v sono state scambiate: serbisu ("lavoro") dal portoghese serviço.

Tetum e portoghese

Di origine maleo-indonesiana[modifica | modifica sorgente]

Parole di origine malese:

  • barak - "molto" (da banyak)
  • bele - "potere" (da boleh)
  • uma - "casa" (da rumah)
  • dalan - "strada" (da jalan)
  • karreta - "automobile" (da kereta)
  • lima - "cinque" (da limah)
  • oan - "uomo" (da orang)
  • tulun - "aiutare" (da tolong)
  • malae - "straniero" (da melayu = "Malay")

Numeri[modifica | modifica sorgente]

  • ida - "uno"
  • rua - "due"
  • tolu - "tre"
  • haat - "quattro"
  • lima - "cinque"
  • neen - "sei"
  • hitu - "sette"
  • ualu - "otto"
  • sia - "nove"
  • sanulu - "dieci"
  • sanulu-resin-ida - "undici"
  • sanulu-resin-rua - "dodici"
  • sanulu-resin-tolu - "tredici"
  • sanulu-resin-haat - "quattordici"
  • sanulu-resin-lima - "quindici"
  • sanulu-resin-neen - "sedici"
  • sanulu-resin-hitu - "diciassette"
  • sanulu-resin-walu - "diciotto
  • sanulu-resin-sia - "diciannove"
  • ruanulu - "venti"
  • ruanulu-resin-ida - "ventuno"
  • tolunulu - "trenta"
  • haatnulu - "quaranta"
  • limanulu - "cinquanta"
  • neennulu - "sessanta"
  • hitunulu - "settanta"
  • walunulu - "ottanta"
  • sianulu - "novanta"
  • atus ida - "cento"
  • atus ida resin ida - "centouno"

Tuttavia i parlanti il tetum utilizzano spesso anche parole maleo-indonesiane, come ad esempio duapuluh ("venti") anziché ruanulu, soprattutto per le cifre oltre mille.

Letteratura[modifica | modifica sorgente]

  • Alexander Loch und Maria Tschanz, Kleines Wörterbuch Tetum-Deutsch Deutsch-Tetum, Helmut Buske Verlag, Hamburg 2005, ISBN 3-87548-417-7.
  • George Saunders, Tetum für Osttimor. Wort für Wort. Kauderwelsch, Reise Know-How Verlag Rump, März 2004. ISBN 3-89416-349-6
  • John Hajek und Alexandre Vital Tilman, East Timor Phrasebook, Lonley Planet, 2001. ISBN 1-74059-020-1

Collegamenti web[modifica | modifica sorgente]