Legs Weaver

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Fumetto e animazione}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.
Legs Weaver
Lingua orig. Italiano
Autori
Editore Sergio Bonelli Editore
1ª app. 1991
1ª app. in Nathan Never n. 1, Agente Speciale Alfa
Sesso Femmina
Abilità
  • Abilità fisiche
  • Vasta conoscenza sulle armi
  • Resistenza al condizionamento mentale

Rebecca Lawrence Weaver, comunemente detta Legs Weaver, è un personaggio dei fumetti che ha esordito in edicola come spalla di Nathan Never nel 1991 nella testata a questi dedicata.

Il personaggio, per aspetto fisico e per la forza di carattere, è chiaramente ispirato a Ellen Ripley, protagonista della saga di Alien, interpretata dall'attrice statunitense Sigourney Weaver.

Il personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Figlia di genitori borghesi, Rebecca Weaver trascorre un'infanzia triste, priva di amore e di attenzioni. È proprio l'ambiente familiare, con buona probabilità, a far sviluppare nella ragazza un carattere debole e timoroso, oltre a varie malattie psicosomatiche, come dislessia e dismetria. Proprio per ovviare a questi problemi, e per dare una "svolta" alla sua vita, si iscrive (giunta alla maggiore età) all'Accademia Rogers, una scuola militare nata con lo scopo di formare culturalmente e fisicamente guardie del corpo, investigatori privati e quelli che - in futuro - sarebbero poi potuti diventare agenti speciali.[1]

All'accademia, Rebecca dimostra una grande propensione all'uso delle armi e delle apparecchiature belliche in genere, ma gravi lacune nelle altre materie. Solo grazie all'aiuto di Sybyl Danning, sua compagna di stanza, Rebecca comincerà a colmarle. Gli sforzi compiuti avrebbero portato Rebecca ad un notevole miglioramento, se nel percorso non fosse incappata nelle macchinazioni di Corinne Lawrence, figlia di Oliver Lawrence, armatore e guerrafondaio proprietario dell'istituto.[1]

Avvicinata dalla coetanea, infatti, Rebecca rimane invischiata in una tela che la porta al matrimonio con l'uomo ed all'abbandono della scuola. In un habitat per lei ormai naturale, fatto di movimento fisico ed utilizzo della armi, la ragazza sarà finalmente felice e tranquilla. Il matrimonio, però non dura a lungo: vittima delle macchinazioni di Corinne, Rebecca rimane presto vedova, venendo inoltre accusata e condannata per uxoricidio, finendo in carcere.[1]

La permanenza in carcere sarà una dura scuola per la ragazza. Il suo carattere si incupirà e chiuderà, rendendola scontrosa, oltre che incapace di esprimere appieno i propri sentimenti. Sarà anche vittima di un tentativo di abuso sessuale da parte di altri galeotti, ma riuscirà a divincolarsi e fuggire, guadagnandosi l'appellativo di Legs, gambe, sia per via della sua velocità nella corsa che per le evidenti doti fisiche. Decisa a dare un taglio netto con il proprio passato, Legs (come da ora si farà semplicemente chiamare) accetta di lavorare per l'Agenzia Privata Alfa, in cambio di una riduzione della pena che le permetterà di uscire dal carcere.[2]

All'interno dell'Agenzia, Legs si distingue immediatamente per i suoi modi spicci, alle volte bruschi, ma sempre corretti. Questi modi che la contraddistinguono nel corso del tempo si sono attenuati progressivamente e numerosi sono gli esempi in cui Legs dimostra di avere una natura molto più sensibile di quella mostrata in superficie. Una delle rare volte in cui viene raffigurata piangendo (a parte la giovinezza) è in una rievocazione dell'Olocausto. Diventa in poco tempo amica e - per un certo verso - vero e proprio altero ego di Nathan Never, assumendo ruolo di punta all'interno della squadra di agenti speciali. L'incontro di Legs con May Frayn, prima ladra di opere d'arte poi anche lei agente Alfa, scioglie e alleggerisce il personaggio che, nel 1994 alla vigilia del lancio della testata, si propone ai lettori in modo un po' diverso da quella apparsa sui primi albi di Nathan Never.

Legs è omosessuale, caratteristica questa che di rado e in modo discreto viene affrontata dagli autori: Legs è attratta da May che però non può ricambiare le sue attenzioni. L'autoallontanamento di May le permette di aprirsi verso un'altra donna, questa volta ricambiata: si tratta di Janet Blaise (di aspetto simile a Lara Croft, la protagonista della serie di videogiochi Tomb Raider), attualmente sua partner. Pur essendo omosessuale, talvolta concede qualche bacio appassionato al vicino di casa Rick o al mago dei computer dell'Agenzia Alfa Sigmund Baginov, sebbene il tutto sia mostrato più con ironia che con romanticismo. In alcune occasioni la sua sessualità è stata condizionata al punto da renderla eterosessuale, come nel caso del principe arabo Alì El Bashir. In qualche occasione è sembrata attratta anche da Nathan Never (per il quale sente un forte legame di amicizia e rispetto) anche se tra i due non ci sono mai state situazioni di natura romantica, salvo un bacio sulla bocca (l'unico che si siano mai scambiati) nel numero 100 di Nathan Never.

Negli stessi mesi in cui Nathan Never vedeva realizzarsi la guerra tra la terra e le stazioni orbitanti si apprendeva su Legs Weaver (improvvisamente ambientato tre anni dopo gli eventi raccontati sulla testata gemella) come questo violento conflitto avrebbe modificato gli equilibri delle due serie portando drammatici cambiamenti tra i quali l'abbandono dell'Agenzia Alfa da parte di Legs.

Rebecca ha vissuto nella cittadina sperduta di Sandville insieme ad alcuni nuovi amici e a Janet Blaise che ha aiutato a fuggire da una base in cui era prigioniera dei servizi segreti. Legs e il suo gruppo, ricercati dall'esercito, hanno creato una nuova agenzia privata che ha come base un recapito on line.

Legs Weaver in teoria condivide lo stesso universo narrativo con altri personaggi bonelliani: Zagor, Mister No, Martin Mystère, Dylan Dog e ovviamente Nathan Never, anche se, al contrario di alcune delle altre testate, mancano quasi del tutto le citazioni reciproche dirette o indirette, se si esclude Nathan Never. L'unica eccezione è una visita in un bar dove, tra gli avventori, compaiono una donna identica al marziano travestito di Mars Attacks!, Zagor e Cico.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Albi di Legs Weaver, Albi fuori serie di Legs Weaver, Albi di Nathan Never, Albi fuori serie di Nathan Never e Universo Alfa.

Legs compare sin dal primo numero di Nathan Never. Gli allegati a Nathan Never Speciale 2,3 e 4 (1993-1994) sono interamente dedicati a lei, finché, nel 1995, esordisce in edicola il primo albo della testata Legs Weaver che è il primo fumetto della Sergio Bonelli Editore interamente dedicato ad una donna.

Nella propria serie mensile ereditava l'ambientazione e il cast di comprimari di Nathan Never. Nelle intenzioni degli autori tuttavia Legs doveva differenziarsi dalla serie gemella per un ritmo più scanzonato e una maggiore ironia (elementi poco inclini al carattere di Nathan Never).

La gestione della testata fu inizialmente opera di Antonio Serra che sviluppò come continuity principale la lotta di due gruppi di "cattivi" l'uno contro l'altro e, naturalmente, la relazione di questi con Legs. Il Club del peccato e le Dame Nere si presentavano come parodia di maschilismo e femminismo seguendo il trend della testata ai suoi esordi ricca di esagerazioni e caratterizzazioni grottesche.

Dopo un periodo intermedio in cui la maggior parte delle storie vengono realizzate da Stefano Piani si decide per una svolta radicale che si concretizza nel 2004 in edicola anche per elettrizzare una non brillante situazione di vendite che però non decollano. Realizzatore degli albi della svolta è Stefano Vietti, il quale contemporaneamente porta avanti la continuity principale su Nathan Never. Tra i suoi disegnatori ricordiamo Andrea Bormida, Lola Airaghi, Simona Denna, Francesca Palomba.

Alcune testate Bonelli che, come Legs Weaver, non riscontravano buoni dati di vendita rischiavano di venire chiuse a breve dalla casa editrice.

Fonti interne alla casa editrice esprimevano la volontà di tentare un rilancio di Legs Weaver (in questa ottica si inquadra il restyling svolto nel 2004) ma venivano contraddette da parte di Michele Medda, uno dei creatori del personaggio, che annunciava sul suo sito internet una prossima interruzione della vita editoriale della serie. Tuttavia, anche in seguito ad una accorata petizione da parte dei fan, questo proposito era stato in seguito smentito.

Nonostante il rilancio, tuttavia, la serie non raggiunse le vendite necessarie per restare in vita. È stata quindi chiusa nell'ottobre del 2005 con il numero 119. La protagonista è stata reintegrata nella continuity di Nathan Never nello Speciale Nathan Never n. 16 (Il ritorno di Legs, dicembre 2006).

Nel maggio 2008, all'interno della collana Universo Alfa nasce un nuovo filone dedicato a Legs chiamato La squadra fantasma. Il primo albo è intitolato Minaccia androide, sceneggiato da Stefano Vietti e disegnato da Patrizia Mandanici. Legs e la sua Agenzia vengono coinvolti da Solomon Darver nella soluzione di incarichi che l'Agenzia Alfa non può risolvere direttamente. In questo caso, si tratta della liberazione di una bambina rapita e di suo nonno. Nel corso della storia, Legs si trova costretta con la sua squadra ad abbandonare Sandville e a tornare nella Città Est, per vivere in semi-clandestinità e viene finalmente ufficializzato il legame sentimentale tra Legs e Janet Blaise. La compagna di avventure storica di Legs, l'agente May Frayn, appare solo in un breve flashback.

Con il n. 245 di Nathan Never, Il giorno più lungo, pubblicato nell'ottobre del 2011, Legs fa il suo rientro nella serie principale dalla quale mancava dal 2005. La sua ricomparsa figura all'interno della cosiddetta Saga della guerra dei mondi. Con la fine della saga viene reintegrata in pianta stabile nell'organico dell'Agenzia Alfa. Questo porterà alla fine della relazione sentimentale con Janet Blaise.

Evoluzione grafica[modifica | modifica wikitesto]

Come altri fumetti della casa editrice milanese (es: Tex, Zagor, etc) l'aspetto grafico degli attori principali della serie rimane "stabile": cioè, il tempo passa, ma loro non invecchiano, vivendo le loro storie in una specie di limbo temporale. Legs dimostra un'età apparente di circa 25 anni, conservando le "guanciotte" infantili, distinguendosi dalla "Legs" di Nathan Never nella quale è disegnata come una persona più matura, intorno ai 40 anni, con un volto più spigoloso e mascolino. Legs, stando alle pubblicazioni e al sito dell'editore, è nata nellanno del nuovo calendario 2054, per cui avrebbe dovuto avere 37 anni all'inizio della serie (anno nuovo calendario 2091).[3]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel corso di vari albi Legs scopre di essere diventata la protagonista femminile di una serie a fumetti.
  • In alcuni albi si intravedono altri personaggi dei fumetti, ad esempio Lupo Alberto o Lupin III. Addirittura nel numero 50 (I mille volti di Legs) in una vignetta si può vedere una piccola Legs circondata da svariati albi di fumetti, tra cui Tex, Martin Mystere, Asterix (riconoscibile l'albo Asterix gladiatore) e altri; lo stesso album omaggia diversi personaggi dei fumetti quali Sin City, Rat-man (con disegni dello stesso Leo Ortolani) ed altri ancora
  • La fuoriuscita e il rientro del personaggio di Legs all'interno della serie regolare di Nathan Never, coincidono con le guerre interplanetarie. Infatti, Legs esce al termine della Guerra con le Stazioni Orbitanti, mentre il suo rientro avviene con lo svolgersi della Saga della guerra dei mondi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Speciale Legs Weaver n. 1, La regina bianca, novembre 1996
  2. ^ Allegato a Nathan Never Speciale n. 2, Legs Weaver - Le mura di Blackwall, giugno 1993
  3. ^ Il mio nome è Legs, Sergio Bonelli Editore.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sergio Bonelli Editore Portale Sergio Bonelli Editore: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sergio Bonelli Editore