Laurent Gbagbo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Laurent Koudou Gbagbo
Gbagboci.jpg

Presidente della Costa d'Avorio
Durata mandato 26 ottobre 2000 –
4 dicembre 2010
Predecessore Robert Guéï
Successore Alassane Ouattara

Dati generali
Partito politico Fronte Popolare Ivoriano

Laurent Koudou Gbagbo (Gagnoa, 31 maggio 1945) è un politico ivoriano, Presidente della Repubblica dal 2000 al 4 dicembre 2010.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato da una famiglia Bété di Gagnoa, è stato professore di storia all'università di Cocody-Abidjan e successivamente preside della facoltà di Lingue e Culture. Nel 1982 fondò il Fronte Popolare Ivoriano (FPI), partito politico. Nel 1985 fu costretto all'esilio in Francia, ma rientrò in Costa d'Avorio nel 1988.

Gbagbo partecipò alle elezioni presidenziali del 1990 ricevendo un 11% di preferenze contro il presidente in carica, Félix Houphouët-Boigny. Partecipò alle elezioni presidenziali del 22 ottobre 2000, contro il leader militare Robert Guéï; quando quest'ultimo dichiarò d'aver vinto, una rivolta popolare a favore di Gbagbo (che sosteneva di aver vinto con il 59,4% dei voti) scoppiò nella capitale Abidjan. Guéï fu costretto a fuggire e Gbagbo divenne presidente il 26 ottobre.

Il 19 settembre 2002, un tentativo di colpo di stato contro il governo di Gbagbo fallì e si trasformò in una rivolta.

La versione ufficiale francese degli accadimenti parla di soldati ribelli che tentarono di prendere le città di Abidjan, Bouaké e Korhogo. Non riuscirono a prendere Abijdan, ma ebbero successo nelle altre due, situate rispettivamente nel centro e nel nord del paese. La situazione evolse velocemente in una guerra civile tra il sud controllato dai governativi ed il nord controllato dai ribelli, ma dopo alcuni mesi di combattimenti si raggiunse un accordo di pace con l'arrivo dei peacekeeper francesi a controllare la linea del cessate il fuoco. La versione del governo ivoriano e di alcuni giornalisti indipendenti francesi di ispirazione progressista (ricordiamo che l'Fpi è stato espulso dall'internazionale socialista solo recentemente) presenti sul posto parla di ribelli mercenari pagati dal governo francese per destabilizzare un potere politico nazionalista ed intellettualmente autonomo che minava i forti interessi economici francesi in Costa d'Avorio. Secondo questa versione la guerra civile non si è mai verificata e non vi è stata una vera contrapposizione tra civili, ma solo una penetrazione di guerriglia istruita e pagata per la maggior parte costituita di stranieri. I peacekeeper francesi in tale versione controllarono sul campo gli accadimenti, favorendoli e guidandoli, senza riuscire però a rovesciare il governo grazie al suo forte consenso popolare delle etnie del sud e ad una mobilitazione violenta degli studenti.Naturalmente la stragrande maggioranza degli ivoriani non lo sosteneva,come le elezioni hanno dimostrato. La situazione arrivò quindi ad uno stallo e ad un conseguente accordo di pace che di fatto comunque avrebbe diminuito la governabilità del paese e ridotto l'efficacia delle riforme del Presidente Gbagbo.

Secondo i termini dell'accordo, Gbagbo sarebbe rimasto in carica (i ribelli avevano precedentemente chiesto la destituzione), ma un nuovo governo di unità nazionale avrebbe dovuto essere formato sotto un primo ministro "neutrale", comprendente il FPI, l'opposizione civile ed i rappresentanti dei gruppi ribelli. L'accordo è stato contestato da molti sostenitori del Presidente, che sostengono che troppe concessioni sono garantite per i ribelli e che i francesi sostengono gli obiettivi politici dei ribelli.

All'inizio di novembre del 2004, dopo il fallimento dell'accordo di pace, Gbagbo ordinò attacchi aerei contro i ribelli. Durante un attacco a Bouaké, furono colpiti alcuni soldati francesi, 9 dei quali rimasero uccisi; il governo ivoriano dichiarò che si trattava di un errore, ma i francesi sostennero che fosse stata un'azione deliberata. Essi risposero pertanto distruggendo i due jet Sukhoi che avevano partecipato a quell'attacco, praticamente gli unici aerei militari ivoriani. Violenti scontri di rappresaglia contro i francesi scoppiarono ad Abidjan e i principali leader del Fpi incitarono in televisione a cacciare i francesi. Vennero aperte le prigioni e i detenuti incitati al saccheggio, allo stupro, cosa che puntualmente si verificò, anche ai danni della locale comunità libanese.

Il mandato presidenziale di Gbagbo terminò ufficialmente il 30 ottobre 2005, ma a causa del mancato disarmo fu dichiarata l'impossibilità di indire un'elezione, pertanto il mandato venne esteso per un massimo di un anno, secondo un piano elaborato dall'Unione Africana; questo piano fu sostenuto dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.[1] All'approssimarsi della scadenza di fine ottobre del 2006, si ritenne molto improbabile che le elezioni si sarebbero tenute entro la data stabilita; l'opposizione ed i ribelli rigettarono la possibilità di un prolungamento del mandato per Gbagbo.[2] Il Consiglio di Sicurezza dell'ONU avallò un'altra estensione di un anno il 1º novembre 2006; in ogni caso, la risoluzione stabilì il rafforzamento dei poteri del Primo Ministro Charles Konan Banny. Gbagbo dichiarò il giorno seguente che alcuni elementi della risoluzione ritenuti anticostituzionali non sarebbero stati applicati.[3]

Nelle elezioni presidenziali tenutesi alla fine del 2010, dopo aver vinto al primo turno, Gbagbo è risultato sconfitto al ballottaggio contro Alassane Ouattara (45,9% contro il 54,1% del suo avversario[4]). Con l'appoggio del Consiglio Costituzionale, organismo strettamente legato alla presidenza, è stato ratificato un altro risultato con il quale, per l'annullamento di 7 sezioni elettorali del nord, corrispondenti al 13% degli aventi diritto al voto, Gbagbo è dichiarato vincente con il 51,45% dei consensi[5]. La comunità internazionale, ha pressoché unanimemente riconosciuto la legittimità dell'elezione di Ouattara, contestando le resistenze di Gbagbo che, non cedendo alle rivendicazioni interne né alle pressioni esterne, ha determinato il riaprirsi del conflitto all'interno del paese.

Il 10 aprile 2011, Laurent Gbagbo è stato catturato assieme alla moglie Simone con l'intervento delle forze speciali francesi "La Licorne" (intervenute su mandato ONU a seguito di risoluzione 1975 votata quasi all'unanimità) nella sua residenza-bunker ad Abidjan, dalle forze di opposizione del presidente eletto Alassane Ouattara, in seguito è stato consegnato alla Corte Penale Internazionale dove è detenuto con l'accusa di crimini contro l'umanità.[6] [7] [8]

Laurent Gbagbo è sposato in seconde nozze con Simone Ehivet Gbagbo, controversa figura di politico, anch'essa incriminata come il marito dalla Corte Penale Internazionale per crimini contro l'umanità.[9][10]

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Gran Maestro dell'Ordine Nazionale della Costa d'Avorio - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine Nazionale della Costa d'Avorio
Gran Maestro dell'Ordine al Merito Ivoriano - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine al Merito Ivoriano
Gran Maestro dell'Ordine al Merito della Pubblica Istruzione - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine al Merito della Pubblica Istruzione
Gran Maestro dell'Ordine della Salute Pubblica - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine della Salute Pubblica
Gran Maestro dell'Ordine al Merito Agricolo - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine al Merito Agricolo
Gran Maestro dell'Ordine al Merito Sportivo - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine al Merito Sportivo
Gran Maestro dell'Ordine al Merito delle Poste e Telecomunicazioni - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine al Merito delle Poste e Telecomunicazioni
Gran Maestro dell'Ordine al Merito Culturale - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine al Merito Culturale
Gran Maestro dell'Ordine al Merito delle Miniere - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine al Merito delle Miniere
Gran Maestro dell'Ordine al Merito Marittimo - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine al Merito Marittimo
Gran Maestro dell'Ordine al Merito della Pubblica Amministrazione - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine al Merito della Pubblica Amministrazione
immagine del nastrino non ancora presente Gran Maestro dell'Ordine al Merito della Solidarietà

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) UN endorses plan to leave president in office beyond mandate, IRIN, 14 ottobre 2005. URL consultato il 2 febbraio 2011.
  2. ^ (EN) Joe Bavier, Ivory Coast Opposition, Rebels Say No to Term Extension for President, VOA News, 18 maggio 2006. URL consultato il 2 febbraio 2011.
  3. ^ (EN) Partial rejection of UN peace plan, IRIN, 2 novembre 2006. URL consultato il 2 febbraio 2011.
  4. ^ (FR) Jeune Afrique, Présidentielle : Ouattara vainqueur avec 54,1 % contre 45,9 % pour Gbagbo, selon la CEI, Jeune Afrique, 2 dicembre 2010. URL consultato il 2 febbraio 2011.
  5. ^ (FR) Côte d'Ivoire: Gbagbo déclaré vainqueur AFP, Le Figaro, 3 dicembre 2010. URL consultato il 2 febbraio 2011.
  6. ^ Laurent Gbagbo trasferito alla Corte penale internazionale - Amnesty International
  7. ^ Nouveau suspect en détention à la CPI : Laurent Gbagbo est arrivé au quartier pénitentiaire
  8. ^ Gbagbo agli arresti, ma chi l'ha catturato? - Mondo - ANSA.it
  9. ^ Costa d'avorio: Tpi, mandato d'arresto per ex first lady - Repubblica
  10. ^ Costa d'Avorio, Cpi incrimina moglie di ex presidente Gbagbo - Yahoo

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore: Presidente della Costa d'Avorio Successore:
Robert Guéï 2000-2011 Alassane Ouattara

Controllo di autorità VIAF: 7390606 LCCN: n80023440

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie