La Voce del Popolo (settimanale di Torino)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La Voce del Popolo è il settimanale della Diocesi di Torino. Testata di grande storia, è stata per anni una vera palestra di giornalismo nel capoluogo piemontese. Molte firme celebri del giornalismo italiano hanno iniziato la propria carriera su questo settimanale.[1][2]

Storia[modifica | modifica sorgente]

La testata è nata nel 1876, per volontà di Domenico Giraud, con il nome di La Voce dell'Operaio. Tra i fondatori vi fu anche san Leonardo Murialdo. Essa era l'organo di stampa dell'Unione operaia cattolica di Torino.

Nel 1933 assunse il nome attuale e dal 1947 è testata della Diocesi di Torino. Dopo la lunga direzione di mons. Franco Peradotto fa seguito la guida di Marco Bonatti (1996-2013). Dal 1 gennaio 2014 la responsabilità nella conduzione editoriale del settimanale della Chiesa torinese è stata assunta da Luca Rolandi.

Redazione[modifica | modifica sorgente]

  • Federica Bello
  • Marina Lomunno
  • Alberto Riccadonna

Collaboratori[modifica | modifica sorgente]

Daniele D'Aria, Marco Bonatti, don Pier Giuseppe Accornero, Mario Berardi, Franco Chittolina, Marco Fracon, Giorgio Chiosso, Beppe Valperga, Giuseppe Bracco, Mario Gheddo, Pietro Caccavo, Attilio Piovano, Giovanni Costantino, Marzia Tessitore, Vivetta Maiolini, Tiziana Macario, Cristiano Beccaro, Ettore Giribaldi, Davide Aimonetto, Paolo Isaia, Enrico Bassignana, Gabriele Guccione, Elisabetta Graziani, Andrea Ciattaglia, Maria Elena Spagnolo, Domenico Agasso jr, Matteo Vabanesi, Massimo Palmisciano, Emanuele Franzoso, Mario Chianale, Michelangelo Toma, Antonio Abate, Filippo Re, Francesco Cissello, Irene Famà, Stefano Di Lullo, Leonardo Nolè.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ La Voce del Popolo è in edicola - ATTUALITÀ - Pagina
  2. ^ Il cardinale va in edicola- Torino LASTAMPA.it

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]