Korrigan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la nave-container francese, vedi Korrigan (nave).
Raffigurazione di un korrigan

Un korrigan (plur.: korrigans), chiamato in alcune zone anche poulpiquet, kormandon, kérion o ozégan[1][2], è una sorta di elfo malvagio della mitologia bretone.

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

La parola korrigan[1][2][3] significa letteralmente "piccolo nano". Il termine deriva infatti dal bretone korr, che significa "nano", con l'aggiunta del diminutivo -ig e del suffisso plurale -an.
Esiste anche la forma femminile korrigane.[1][3]

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

I korrigans vengono descritti come esseri estremamente piccoli, con una grossa testa[1] e lunghi capelli[4], vestiti con pelli di animali[4] e - nonostante le dimensioni - dotati di una grande forza fisica[1].
Nascono e muoiono sottoterra[1] e fanno la loro comparsa soprattutto di notte[1], ballando attorno ai dolmen[4]; hanno la fama di essere spregevoli, dispettosi e "ladruncoli".[1].
Tra i loro "habitat", vi è il Ménez-Hom (bret. Menez C'hom), il monte della Bretagna sacro ai Celti.[5]

Origini[modifica | modifica sorgente]

Secondo alcuni studiosi i korrigans erano i custodi di uno strumento musicale:il biniou.Secondo alcune leggende bretone un abitante di Saint-Léry ricevette in dono da una specie di folletto,il biniou per ringraziarlo di averlo salvato da un annegamento.Quindi dal nome del salvatore,forse Korril,deriverebbe il nome di korrigan.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g h Gnomeland: Les korrigans
  2. ^ a b Les contes et les légendes bretonnes: Les Korrigans
  3. ^ a b Korrigan - Définition
  4. ^ a b c Légendes: Les Korrigans
  5. ^ A.A.V.V., Bretagna, Dorling Kindersley, London, 2003 - Mondadori, Milano, 2004, p. 150
  6. ^ http://www.es-conseil.fr/pramona/korrigan.html

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]