Konzerthaus Berlin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La Konzerthaus vista dalla Gendarmenmarkt

La Konzerthaus è una sala concerti di Berlino, nella Gendarmenmarkt, nota anche come Schauspielhaus.

Architettura[modifica | modifica sorgente]

L'edificio fu costruito su progetto di Karl Friedrich Schinkel tra il 1818 e il 1821, sulle rovine del Teatro Nazionale progettato da Carl Gotthard Langhans, distrutto da un incendio nel 1817. L'edificio fu costruito secondo lo stile neoclassico, con mantenimento delle colonne del portico del precedente teatro. Schinkel non progettò solo l'edificio, ma ne curò anche l'aspetto interno e tutti i dettagli di arredamento. La facciata presenta una grande portico in stile ionico, con scalinate da cui aveva accesso una parte del pubblico; infatti gli aristocratici avevano un ingresso separato da cui accedere. Sulla stessa facciata vi è una scultura raffigurante Apollo che guida un carro trainato da grifoni. Ma l'intero edificio è decorato con statue che rimandano alla musica e al teatro; infatti vi sono raffigurazioni delle Muse e di geni musicali. Nella piazza, di fronte alle scalinate d'ingresso vi è la statua di Friedrich Schiller, opera di Reinhold Begas. L'edificio subì pesanti danni a seguito dei bombardamenti, così da rendere necessario un progetto di restauro che riportò all'antico splendore l'edificio, apportando però alcune modifiche alla struttura interna dello stesso.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (DE) Peter Goralczyk, Zur Restaurierung des ehemaligen Schauspielhauses als Konzerthaus am Platz der Akademie in Berlin in Architektur der DDR, anno XXX, nº 2, Berlino, VEB Verlag für Bauwesen, febbraio 1981, pp. 89-93, ISSN 0323-3413.
  • (DE) Erhardt Gißke, Klaus Just, Manfred Prasser, Das Schauspielhaus am Platz der Akademie in Berlin in Architektur der DDR, anno XXXIV, nº 3, Berlino, VEB Verlag für Bauwesen, marzo 1985, pp. 137-147, ISSN 0323-3413.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]