Konrad Bartelski

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Konrad Bartelski (Londra, 27 maggio 1954) è un giornalista ed ex sciatore alpino britannico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Carriera sciistica[modifica | modifica wikitesto]

Konrad Bartelski
Dati biografici
Nazionalità Regno Unito Regno Unito
Altezza 178[senza fonte] cm
Peso 72[senza fonte] kg
Sci alpino Alpine skiing pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Discesa libera
Ritirato 1983
 

Stagioni 1972-1981[modifica | modifica wikitesto]

Sciatore specialista della discesa libera, Bartelski esordì ai Giochi olimpici invernali a Sapporo 1972, classificandosi 43º nella discesa libera e non completando lo slalom gigante e lo slalom speciale. Il 9 febbraio 1974 ai Mondiali di Sankt Moritz, in Svizzera, giunse 15º nella discesa libera.

L'8 febbraio 1975 subì a Megève un grave infortunio durante la discesa libera di Coppa del Mondo, perdendo a lungo conoscenza[1], ma riuscì a tornare alle gare; ai XII Giochi olimpici invernali di Innsbruck 1976 tuttavia non concluse nessuna della prove cui prese parte (la discesa libera, lo slalom gigante e lo slalom speciale). Nella successiva rassegna olimpica di Lake Placid 1980, l'ultima cui prese parte, fu invece 12º nella discesa libera, 29º nello slalom gigante e non completò lo slalom speciale.

Stagioni 1982-1983[modifica | modifica wikitesto]

Il 13 dicembre 1981 conquistò l'unico podio di carriera, nonché primo piazzamento di rilievo, in Coppa del Mondo: fu secondo in discesa libera sulla Saslong della Val Gardena, in Italia, alle spalle dell'austriaco Erwin Resch per undici centesimi di secondo[2]. L'inatteso risultato destò scalpore nel Circo bianco, essendo stata quella la prima volta in cui uno sciatore britannico riuscì a salire sul podio in Coppa del Mondo[3].

Dopo quel risultato riuscì a conquistare diversi altri piazzamenti tra i primi quindici nel massimo circuito internazionale, sempre in discesa libera (l'ultimo il 6 marzo 1982 sulle nevi di Aspen negli Stati Uniti: 15º); si ritirò nel 1983[3].

Carriera giornalistica[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il ritiro dalle competizioni Bartelski intraprese la carriera di commentatore sportivo per radio e televisione, in particolare a Ski Sunday della BBC. Ha anche collaborato con numerose testate cartacee, tra le quali The Guardian, Daily Mail, Sunday Telegraph, Sunday Times e The Times[3].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Coppa del Mondo[modifica | modifica wikitesto]

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 52º nel 1982
  • 1 podio (in discesa libera):
    • 1 secondo posto

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Ski hero" sul sito personale. URL consultato il 20 dicembre 2014.
  2. ^ Referto della gara. URL consultato il 30 novembre 2010.
  3. ^ a b c "Ce n’est pas possible – c’est un Anglais!" sul sito personale. URL consultato il 20 dicembre 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 91905437 LCCN: n84013219