Khalifa ibn Khayyat

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Khalīfa ibn Khayyāṭ (in arabo: ﺧﻠﻴﻔـة ﺑﻦ ﺧﻴﺎﻁ; Baṣra, 777854) è stato uno storico arabo.

Abū ʿAmr Khalīfa b. Khayyāṭ al-Laythī al-ʿUṣfūrī era di una famiglia originaria di Baṣra, in Iraq. Suo nonno era stato un rinomato tradizionista (muḥaddith) e Khalīfa ne seguì le orme. Tra i suoi discepoli si devono ricordare al-Bukhārī e Aḥmad ibn Ḥanbal.

Studiò con vari maestri, tra i quali si possono ricordare Sufyān b. ʿUyayna, Hishām b. al-Kalbī o Muḥammad al-Madāʾinī.

È noto per aver scritto almeno quattro opere, di cui solo due sono però sopravvissute. Essere erano del genere letterario detto Ṭabaqāt (biografie per classi) e Taʾrīkh (storia). La sua è importante perché è una delle tre opere di storia più antiche, ma il suo testo rimase praticamente sconosciuto finché una copia manoscritta nell'XI secolo fu scoperta a Rabat (Marocco nel 1966 e pubblicata l'anno successivo.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • J. Schacht, "The Kitāb al-Tārīḫ of Khalifa bin Hayyat", su: Arabica, 16 (1969), pp. 79–81. Schacht stesso fu lo scopritore del manoscritto descritto nell'articolo.
  • Lemma «Khalīfa ibn Khayyāṭ» (S. Zakkar), in: The Encyclopaedia of Islam

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 80676495 LCCN: n/89/239894