Kayako Saeki

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Saeki Kayako
Kayako Saeki
Kayako Saeki
Universo Ju-on
Autore Takashi Shimizu
1ª app. in Ju-on
Ultima app. in The Grudge 3
Interpretata da Takako Fuji, Aiko Horiuchi (in The Grudge 3)
Sesso Femmina
Parenti
  • Takeo Saeki (marito)
  • Toshio Saeki (figlio)

Kayako Kawamata Saeki è un personaggio immaginario facente parte della serie cinematografica J-Horror Ju-on, ideata da Takashi Shimizu. Il suo personaggio è interpretato dall'attrice Takako Fuji.

Il suo personaggio è uno stereotipo del folklore giapponese: l'onryō, fantasma, principalmente femminile, in cerca di vendetta per quanto le è accaduto in vita. Per tutta la serie di film, Kayako maledice chiunque abbia un minimo contatto con la casa nel quartiere di Nerima, dove lei risiedeva, e dove è stata uccisa dal marito Takeo.

Storia ed origini[modifica | modifica wikitesto]

Le origini di Kayako vengono raccontate in The Grudge 2. La madre di Kayako era una potente esorcista, che utilizzava la figlia per "mangiare" gli spiriti maligni che venivano liberati dai suoi pazienti. Questo ha marchiato la bambina per il resto della sua vita, facendola diventare oggetto di pettegolezzi e malignità. Durante il periodo universitario, Kayako conobbe Shunsuke Kobayashi, di cui si innamorò in maniera ossessiva. Ciò nonostante, Kayako sposò Takeo Saeki, l'unico che sembrava apprezzarla davvero, e gli diede un figlio di nome Toshio. Il destino volle che Shunsuke diventasse l'insegnante del piccolo Toshio, facendo inesorabilmente riaccendere la fiamma della passione in Kayako, che cominciò a scrivere le proprie ossessioni su un diario.

Un giorno il diario finì nelle mani di Takeo che sviluppò l'ossessione che Kayako lo stesse tradendo con il maestro del figlio, o peggio ancora, che Toshio potesse non essere figlio suo, ma di Kobayashi. Takeo quel giorno stesso attaccò la moglie: prima la gettò a terra, e nell' urlo e nell' impeto di fuggire, Kayako si ruppe una caviglia. Mentre cercava di scappare strisciando, il marito le ruppe l' osso del collo strozzandola ( da qui il terribile verso che contraddistingue il fantasma). Ancora viva, Kayako fu chiusa in un sacco della spazzatura e lasciata morire dissanguata. Il piccolo Toshio si nascose nell'armadio, ma fu raggiunto dalla furia del padre che lo affogò nella vasca da bagno. Non contento, Takeo si recò a casa di Kobayashi, e non trovando l'uomo a casa, uccise sua moglie in avanzato stato di gravidanza, picchiandola così brutalmente da farla abortire. Ben presto però Takeo fu raggiunto dallo spirito della moglie che lo uccise, mentre si disfava del feto abortito dalla moglie di Kobayashi.

Tempo dopo, il cadavere di Kayako fu rinvenuto nella soffitta, quello di Takeo nella strada vicino casa (la causa della sua morte risultò sconosciuta alla polizia), mentre Toshio nell'armadio.

Da quel giorno gli spiriti di Kayako, Toshio e Takeo uccidono chiunque si trovi ad avere a che fare con la casa in cui abitavano. Il gatto di Toshio, Mar, normalmente appare a coloro che sono stati maledetti dai Saeki, preannunciando l'inizio dell'incubo. La maledizione si ripete infinite volte, quindi ogni film ripete grossomodo la stessa situazione: Kayako che si trascina giù dalle scale, coperta di sangue, riproducendo il suo caratteristico rantolo mortale.

Differenze fra le varie versioni[modifica | modifica wikitesto]

La storia sul passato di Kayako Saeki è stata svelata soltanto nel remake statunitense The Grudge 2, pertanto, non facendo parte della continuità ufficiale della saga, il fatto potrebbe non necessariamente essere vero nella versione originale giapponese.

Nella versione giapponese Kobayashi viene chiaramente ucciso da Kayako, mentre il suo equivalente nella versione americana, Peter, si suicida lanciandosi giu dal balcone del proprio appartamento, anche se apparentemente spinto a farlo dallo spettro della donna. Inoltre nel remake la moglie del professore non è incinta e non viene uccisa.

Takeo Saeki, che nella versione giapponese viene ucciso dal fantasma della moglie in una strada, in The Grudge viene impiccato dai capelli di Kayako, in una scena simile a quella che viene mostrata in Ju-on: The Grudge 2, ma relativa ad un altro personaggio.

Nei film di Ju-On, Kayako ha 28 anni al momento della propria morte, mentre nella saga di The Grudge ne ha 30.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema