Josef Plachutta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Josef Plachutta

Josef Plachutta, slov. Josip Plahuta (Zara, 13 maggio 1827Przemyśl, 22 luglio 1883), è stato un compositore di scacchi austriaco di origine slovena.

Nato da famiglia slovena in Dalmazia quando era parte dell'Impero Austriaco, visse a Innsbruck, e per un certo tempo a Venezia. Compose problemi diretti in tre e più mosse e automatti. Nel 1862 ottenne il secondo premio al concorso problemistico di Londra.[1]

Il suo nome è legato al tema Plachutta, tatticismo molto utilizzato nei problemi di scacchi. È costituito da un'interferenza tra due pezzi con analoga azione lineare, provocata da un sacrificio nella casa di intersezione, seguito dall'allontanamento del pezzo che cattura.

L'esempio che segue è tratto da un suo problema.

Josef Plachutta
Leipziger Illustriert Zeitung, 1858 [2]
a b c d e f g h
8
Chessboard480.svg
d8 alfiere del bianco
g8 torre del nero
h7 torre del nero
e6 pedone del nero
f6 alfiere del nero
c5 cavallo del nero
e5 re del nero
c4 re del bianco
e4 pedone del bianco
c3 pedone del nero
d3 pedone del bianco
f3 donna del bianco
g1 torre del bianco
8
7 7
6 6
5 5
4 4
3 3
2 2
1 1
a b c d e f g h
Matto in tre mosse  (6 + 7)






Soluzione:

1. Tg7!  sacrificio tematico del Plachutta: la torre si sacrifica per deviare uno dei tre pezzi che possono catturare;
1. ...Thxg7  (se 1. ...Tgxg7 2. Dg3+ Txc3 3. Ac7#;  se 1. ...Axg7 2. Dg3#)
2. Dg3+!  Txg3
3. Ac7#

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il primo premio andò a Joseph Graham Campbell, ma in seguito venne scoperto un errore in uno dei sei problemi da lui presentati (un matto in cinque mosse), e il premio gli venne revocato. Campbell si rifiutò però di restituire il premio in denaro (20 sterline) e ne nacque una lunga controversia, in seguito alla quale Campbell si ritirò dai concorsi.
  2. ^ Il problema originale era in quattro mosse, con la donna in d1 e il cavallo in a6. La prima mossa (1. Df3! Cxc5) è però ininfluente per illustrare il tema Plachutta ed è stata qui omessa.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]