Janez Vajkard Valvasor

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Janez Vajkard Valvasor

Janez Vajkard Freiherr von Valvasor (Lubiana, maggio 1641Krško, settembre 1693) è stato uno scienziato e scrittore sloveno, nobile, studioso, ricercatore e membro della Royal Society di Londra.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Non sono note né la data né il luogo di nascita di Johann Weichart Freiherr von Valvasor, conosciuto come Janez Vajkard Valvasor dagli sloveni, ma il suo battesimo è stato registrato presso la Chiesa di S. Nicola (Nikolauskirche) a Lubiana, dodicesimo figlio di Jernej (Bartholomäus von Valvasor) e Ana Marija Ravbar (Anna Maria Freiin von Rauber), visse nel castello di famiglia Gallenegg presso Islack (Grad Medija presso Izlake ) ed anche in città a Lubiana al "Alter Markt", n. 4 oggi Stari trg. Padrini furono il barone Konrad von Ruess Ruessenstein di Stermol e Regina Dorothea Rasp di Kreutberg.

Suo padre morì quando lui aveva dieci anni mentre frequentava la scuola dei Gesuiti a Lubiana. Si diplomò nel 1658 smise gli studi preferendo viaggiare in tutta Europa e nord Africa per quattordici anni, si arruolò nell’esercito durante la guerra austro-turca alla frontiera militare in Croazia.

Sposò Anna Rosina Grafenweger nel 1672 e acquistò il castello di Wagensperg bei Littai (Bogenšperk vicino Litija), investì le sue risorse finanziarie in un’officina di stampa ed incisione, ove pubblicò le sue opere. A seguito di debiti fu costretto in seguito a vendere sia il castello che la biblioteca e la sua collezione di stampe.

Fu il Vescovo di Zagabria, nel 1690, ad acquistare biblioteca e le 7300 stampe e trasferirle in Croazia dove la raccolta diventò parte della Biblioteca del Palazzo Arcivescovile di Zagabria, ora parte degli Archivi dello Stato croato.

Valvasor fu un precursore nello studio dei fenomeni carsici, un suo trattato sul lago di Cerknica (lago di Circonio) gli valse l’ammissione, il 14 dicembre 1687, alla Royal Society di Londra su proposta dell’astronomo e geofisico Edmond Halley con la seguente motivazione: “ Prese parte alla campagna turca (1663-1664), viaggiò in Francia, Italia e Africa; collezionista di libri, stampe, monete e strumenti; fondatore di uno studio di stampa e di incisione su rame (1678), ha combattuto contro i turchi (1685)”.

La sua opera più importante resta la monumentale La Gloria del Ducato di Carniola titolo originale: Die Ehre Deß Herzogthums Crain, Kranjske Slava vojvodine in lingua slovena, pubblicato nel 1689 in 15 tomi, per un totale di 3.532 pagine, 528 illustrazioni e 24 appendici che tutt'oggi è una preziosa fonte di informazioni sulla vita e sulla storia degli sloveni.

Valvasor morì nel settembre 1693 a Krsko (Gurkfeld) ed è sepolto nella tomba di famiglia in Izlake.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Dominicae passionis icones, 1679, reprint 1970
  • Topographia arcium Lambergianarum id est arces, castella et dominia in Carniolia habita possident comites a Lamberg; Bagenspergi (Bogenšperg), 1679, reprint 1995
  • Topographia Archiducatus Carinthiae modernae: das ist Controfee aller Stätt, Märckht, Clöster, undt Schlösser, wie sie anietzo stehen in dem Ertzhertzogthumb Khärnten; Wagensperg in Crain (Bogenšperg), 1681; Nürnberg, 1688
  • Carniolia, Karstia, Histria et Windorum Marchia, Labaci (Ljubljana) 1681
  • Theatrum mortis humanae tripartitum: figuris aeneis illustratum : das ist: Schau-Bühne des menschlichen Todts in drey Theil : mit schönen Kupffer-Stichen geziehrt vnd an Tag gegeben; Laybach, Saltzburg (Ljubljana, Salzburg); 1682
  • Topographia Archiducatus Carinthiae antiquae & modernae completa: Das ist Vollkommene und gründliche Land - Beschreibung des berühmten Erz - Herzogthums Kärndten; Nürnberg 1688,
  • Opus insignium armorumque ... ;(1687-1688)
  • La gloria del Ducato di Carniola (Die Ehre des Hertzogthums Crain: das ist, Wahre, gründliche, und recht eigendliche Belegen- und Beschaffenheit dieses Römisch-Keyserlichen herrlichen Erblandes), Laybach (Ljubljana) 1689

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 49262010 LCCN: n85090400