Indulgentiarum doctrina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Indulgentiarum doctrina è il titolo (in lingua latina) di una Costituzione apostolica di Papa Paolo VI sul senso e l'uso delle indulgenze nella Chiesa cattolica. Il documento venne pubblicato il giorno 1º gennaio 1967 e diede nuovo ordine e coerenza alla materia trattata: non si occupa di definire quali e quante siano le indulgenze concesse, ma pone i fondamenti dottrinali delle indulgenze stesse.

Contenuto del documento[modifica | modifica wikitesto]

Indulgentiarum doctrina è un documento decisamente breve, diviso in due sezioni:

  1. la prima sezione contiene gli elementi dottrinali e una brevissima storia della pratica delle indulgenze e si compone di 12 paragrafi;
  2. la seconda sezione contiene 20 norme che regolano l'uso e la concessione delle indulgenze.

Elementi dottrinali[modifica | modifica wikitesto]

Elementi normativi[modifica | modifica wikitesto]

Recezione del documento[modifica | modifica wikitesto]

Nel testo di Paolo VI non si dice quali siano le preghiere e le opere pie a cui viene annessa una particolare indulgenza; esso si ferma alla sole considerazioni dottrinali e alle norme generali. Tuttavia la norma 13 prevede:

« l'Enchiridion indulgentiarum sarà riveduto in modo che solamente le più importanti preghiere e opere di pietà, di carità e di penitenza siano indulgenziate. »
(Indulgentiarum doctrina, Norme, n. 13)

Proprio a partire da questo auspicio venne in seguito revisionato ad opera della Penitenzieria apostolica l'Enchiridion indulgentiarum, o Manuale delle indulgenze, pubblicato in prima edizione nel mese di luglio del 1968: è questo il libretto che contiene l'elenco delle indulgenze plenarie e parziali e le condizioni richieste per ottenerle.

Nel 1999 ne è stata stampata la quarta edizione con ulteriori adeguamenti.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cattolicesimo