Homopus signatus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Testuggine del Capo maculata
Homopus signatus-Prague Zoo.jpg
Homopus signatus, accoppiamento
Stato di conservazione
Status iucn2.3 NT it.svg
Basso rischio (nt)[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Classe Reptilia
Sottoclasse Anapsida
Ordine Testudines
Sottordine Cryptodira
Famiglia Testudinidae
Genere Homopus
Specie H. signatus
Nomenclatura binomiale
Homopus signatus
Gmelin, 1789
Sinonimi

Testudo signata

La Testuggine del Capo maculata (Homopus signatus Gmelin, 1789) è una tartaruga della famiglia Testudinidae, endemica del Sudafrica.[2]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Con un carapace lungo appena 11 cm (8 cm nei maschi), è la più piccola tartaruga conosciuta.[2] Il carapace è appiattito marrone, arancione-rossastro oppure rosa salmone, con sottili e intricari disegni neri che le permettono di mimetizzarsi.[senza fonte]

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

È endemica della regione del Little Namaqualand (Sudafrica).[1][2]

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Le dimensioni di questa tartaruga la rendono particolarmente vulnerabile ai predatori, ma le consentono anche di nascondersi in piccole fessure tra le rocce per proteggersi dal sole e dagli attacchi, inoltre la colorazione del suo carapace le permette di mimetizzarsi con il terreno. Si nutre prevalentemente di piccole piante grasse o di altri vegetali che riesche a trovare negli ambienti secchi in cui vive.[senza fonte]

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Si tratta di una specie ovipara.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) Branch, W.R. 1996, Homopus signatus in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ a b c Homopus signatus in The Reptile Database. URL consultato il 1 marzo 2012.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

rettili Portale Rettili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rettili