Anapsida

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Anapsida
Skull anapsida 1.png
Schema del cranio di un anapside
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Reptilia
Sottoclasse Anapsida
Williston, 1917
Ordini

Gli anapsidi (Anapsida Williston, 1917) sono una sottoclasse di rettili caratterizzati dall'assenza di finestre temporali nel cranio. Attualmente gli anapsidi sono rappresentati dalle sole tartarughe, ma nell'Era Paleozoica erano largamente diffusi. L'altra grande sottoclasse di rettili è quella dei diapsidi, in cui le finestre temporali sono due.[1]

Classificazione complessa[modifica | modifica sorgente]

Nonostante il gruppo degli anapsidi venga spesso definito monofiletico, alcuni studiosi ritengono che gli anapsidi siano composti in realtà da diversi gruppi di rettili dotati di un cranio anapside; il dibattito è centrato sulle esatte relazioni che intercorrono tra le tartarughe, i primi rettili del Carbonifero (tra cui i protorotirididi) e vari gruppi del Permiano e del Triassico (tra cui mesosauri, millerettidi, bolosauridi, captorinidi, procolofoni e pareiasauri). Alcuni paleontologi, attualmente, ritengono che le tartarughe siano derivate da rettili diapsidi che hanno perso le loro finestre temporali. Spesso, molti gruppi di anapsidi vengono variamente classificati nel gruppo dei pararettili (Parareptilia).

Tra il Permiano e il Triassico[modifica | modifica sorgente]

La maggior parte degli anapsidi scomparve alla fine del Permiano, a seguito della grande estinzione di massa del Permiano-Triassico avvenuta circa 250 milioni di anni fa. Alcuni piccoli animali, i procolofoni, sopravvissero. Le tartarughe, evolutesi nel corso del Triassico, si svilupparono forse da uno stretto parente di questi animali. I primi resti (come Proganochelys) sono già così somiglianti alle odierne tartarughe da non aiutare l'identificazione delle forme da cui originarono.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Anapsida in Fossilworks. URL consultato il 14 aprile 2014.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]