Gladys Vanderbilt Széchenyi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gladys Vanderbilt Széchényi (27 agosto 188629 gennaio 1965) fu una ereditiera statunitense della prominente famiglia Vanderbilt, e la moglie del conte ungherese, László Széchenyi.

Contesto familiare[modifica | modifica wikitesto]

La contessa e il conte László Széchenyi, intorno al 1908

La Contessa Széchényi nacque Gladys Moore Vanderbilt nel 1886, la settima e più giovane dei figli di Alice Claypoole Gwynne e Cornelius Vanderbilt II, il presidente della New York Central Railroad. Gladys crebbe nella casa di famiglia sulla Fifth Avenue a New York, e nel "cottage" estivo di The Breakers a Newport nel Rhode Island.[1]

Ereditò circa 25 milioni di dollari dalle proprietà di suo padre e ulteriori 5 milioni da quelle di sua madre. Ereditò anche la tenuta estiva di The Breakers.

Una sua cugina di primo grado fu Consuelo Vanderbilt, Duchessa di Marlborough.

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Il 27 gennaio 1908 a New York City, Gladys Vanderbilt sposò il conte ungherese László Széchenyi, il quarto dei figli del Conte Imre Széchenyi de Sarvar-Felsövidék e della Contessa Alexandra Sztáray de Sztára et Nagy-Mihály. Dal matrimonio nacquero cinque figli

  • Cornelia (1908-1958) ∞ 1933, Eugene Roberts (1898-1983), ed ebbe tre figli.
  • Alice (1911-1974) ∞ 1931 Adalbert Conte de Hadik Futak (1905-1971) da cui ebbe due figli maschi.
  • Gladys (1913-1978)
∞ 1935–1946 (annullato) Christopher Finch-Hatton, XVI conte di Winchilsea (1911–1950) da cui ebbe due figli maschi
∞ 1954 Arthur Talbot Peterson (1905–1962)
  • Sylvia (1918-1998) ∞ 1949 il conte Anton de Szapáry Muraszombath (1905-1972), da cui ebbe due figli.
  • Ferdinandine (* 1923) ∞ 1946 il conte Alexander von und zu Eltz (1911-1977) da cui ebbe due figli maschi.

La coppia intraprese numerosi viaggi attraverso l'Europa e per l'Egitto. durante uno di questi viaggi fecero amicizia con la Duchessa Sophie von Hohenberg, moglie del arciduca austriaco Francesco Ferdinando .Il Conte era stato un gradito ospite a Castello di Miramare a Trieste .

Morte[modifica | modifica wikitesto]

La Contessa Széchenyi morì nel 1965.

Nel 1948, da vedova, affittò The Breakers alla Preservation Society of Newport County per un 1 dollaro all'anno. Continuò a mantenere un appartamento a The Breakers di comune accordo fino alla sua morte.

Nel 1972, la Preservation Society acquistò The Breakers per 365,000 dollari dagli eredi di Gladys, ma la figlia di Gladys, la Contessa Sylvia Szapáry conservò un appartemento al terzo piano fino alla sua morte avvenuta il 1 marzo 1998.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Arthur T., II Vanderbilt, Fortune's Children: The Fall of the House of Vanderbilt, New York, Morrow, 1989, ISBN 0-688-07279-8.
  2. ^ Family Tree Maker's Genealogy Site: User Home Page Book: The Family History of Donald Joseph La Coste, and Ellsworth John La Coste: NGS Quarterly Report of Jan A. Vanderbilt

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Arthur T. Fortune: The Fall of the House of Vanderbilt, New York: William Morrow & Co. (1989)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]