Giuseppe Rospigliosi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Don Giuseppe Rospigliosi (o Rospigliosi-Pallavicini) (Roma, 11 novembre 1755Firenze, 1 gennaio 1833) è stato un politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Discendente di un'antica famiglia toscana di origine pistoiese, i Rospigliosi, a cui appartenne anche papa Clemente IX, Giuseppe Rospigliosi, figlio di Giovanni Battista, principe Rospigliosi, ed Eleonora Caffarelli, duca di Zagarolo, sposò in prime nozze Ottavia Odescalchi da cui ebbe un figlio, Giulio Cesare.

Giuseppe Rospigliosi fu nominato dal granduca di Toscana Ferdinando III commissario granducale, incarico che mantenne dal maggio 1814 al 25 settembre 1814.

Principe dell'Impero austriaco, cavaliere del Toson d'Oro, cavaliere di gran croce dell'ordine di San Giuseppe del granducato di Toscana, morì il 1 gennaio 1833 a Firenze.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze toscane[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di gran croce dell'Ordine di San Giuseppe (Granducato di Toscana) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine di San Giuseppe (Granducato di Toscana)

Onorificenze austriache[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Insigne e Reale Ordine di San Gennaro (Regno delle Due Sicilie) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Insigne e Reale Ordine di San Gennaro (Regno delle Due Sicilie)