Giulio Cesare Aranzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giulio Cesare Aranzi, noto anche con il nome latino Julius Caesar Arantius o semplicemente come Aranzio, (Bologna, 1530Bologna, 7 aprile 1589) è stato un medico italiano.

Nel 1570 divenne docente di anatomia umana all'Università di Bologna.

A lui si devono la descrizione dell'eponimo dotto venoso e degli eponimi noduli della valvola aortica del cuore[1]. Nel 1564 coniò il termine ippocampo.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • De humano foetu opusculum, Roma, 1564; Venezia, 1571; Basilea, 1579.
  • De tumoribus secundum locus affectum, Bologna, 1571.
  • In Hippocrates librum de vulneribus capitis, Leida, 1580.
  • Observationes anatomicae, Basilea, 1579; Venezia, 1587.
  • De tumoribus prater naturam secundum locos affectus liber, Venezia, 1587.
  • De humano foetu liber, Venezia, 1587.
  • Anatomicarum observationum liber, Venezia, 1587.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Ole Daniel Enersen, Giulio Cesare Aranzi in Who Named It?.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 19790493 LCCN: n90718906 SBN: IT\ICCU\SBLV\083590