Mondino dei Liuzzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Mondino de' Liuzzi (anche de' Luzzi o de' Lucci) (Bologna, 1275Bologna, 1326) è stato un anatomista e medico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Lezione di anatomia di Mondino de' Luzzi in un'illustrazione
Statua di Mondino de' Liuzzi all'interno del teatro anatomico dell'Archiginnasio di Bologna

Figlio di Nerino Frazoli de' Luzzi, farmacista, e nipote di Liuzzo de' Luzzi professore di medicina[1], Mondino nasce a Bologna da una famiglia di speziali di origine fiorentina. La famiglia di Mondino risulta infatti iscritta alla Società dei Toschi di Bologna tra gli anni 1259 e 1314. Negli atti di questa corporazione della gente originaria della Toscana l'ortografia del cognome varia tra Liucci, Lucci, Liuzzi, Luzzi e dal Luzzo (la forma latina risulta essere in vari documenti dell'epoca de Luciis, de Liuccis, de Leuciis).

La Bologna dell'epoca era dilaniata dai contrasti tra guelfi e ghibellini, la famiglia de' Liuzzi si schiera con questi ultimi. A seguito del prevalere della fazione guelfa Mondino viene esiliato da Bologna ove rientrerà, dopo alcuni anni, a seguito del pagamento di un riscatto molto oneroso.

Discepolo di Taddeo Alderotti[2][3], Mondino si laureò in medicina all'ateneo bolognese intorno al 1292. Nel 1321 diventò lettore pubblico nell'ateneo bolognese ove insegnò medicina e soprattutto tenne corsi di anatomia.

Mondino de' Liuzzi fu il primo anatomista che riprese la pratica delle dissezioni del corpo umano, che, iniziata da Erofilo nel III secolo a.C., era stata abbandonata già dai suoi immediati successori (la Scuola Medica Salernitana aveva ripreso lo studio dell'anatomia ma praticando solo dissezioni di animali).

L'esempio di Mondino fu imitato ben presto dagli anatomisti di Montpellier e poi da quelli delle altre principali università europee. Guy de Chauliac, considerato il fondatore della chirurgia francese e, come tanti, discepolo dell'ateneo bolognese, lo citerà nella sua Chirurgia Magna riconoscendolo quale Maestro di Anatomia.

Lo scopo delle dissezioni anatomiche praticate da Mondino e dai suoi seguaci era molto più didattico che di ricerca e ciò spiega la lentezza con cui nei secoli successivi furono superate alcune errate concezioni anatomiche di Galeno, al quale lo stesso Mondino continuò a fare spesso riferimento. In qualche caso tuttavia egli sottolinea punti di disaccordo con l'antica autorità, comiciando quell'opera di erosione che dovrà proseguire ancora per secoli prima di vedere finalmente demoliti alcuni postulati del medico greco-romano.

Nel 1316 Mondino scrisse il suo Anothomia: un testo che sarà utilizzato da intere generazioni di studenti, ai quali egli si rivolge spiegando i tempi ed i modi della dissezione autoptica. Oltre che questo manuale di anatomia Mondino scriverà anche di argomenti clinici e commenterà le opere dei grandi medici del mondo classico e della scuola araba, per i quali mostrò sempre un grande rispetto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Alberto Asor Rosa, Letteratura italiana: H-Z, Einaudi, Torino 1991, Volume 2, p. 1073.
  2. ^ Albano Sorbelli, Storia della università di Bologna: Il Medioevo, secc. XI-XV, N. Zanichelli, 1944, Volume 1, p. 118.
  3. ^ Cornelius O'Boyle, The art of medicine: medical teaching at the University of Paris, 1250-1400, Brill, Leiden 1998, p. 154.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giorgi, Pasini, Mondino de' Liuzzi – Anothomia, Bibliografia dei lavori che danno informazione su Mondino, parte V. Istituto per la Storia dell'Università di Bologna, Bologna, 1992
  • Romana Martorelli Vico, Mondini de Luciis Expositio super capitulum de generatione embrionis canonis Avicennae cum quibusdam quaestionibus, Istituto storico italiano per il Medio Evo, Roma 1993

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 10203574 LCCN: n88091089