Giovanni Volpi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Una Ferrari 250 Testa Rossa del 1961 modificata da Giotto Bizzarrini per la Scuderia Serenissima di Giovanni Volpi.

Giovanni Volpi (Venezia, 9 maggio 1938) è un imprenditore italiano, attivo nel campo delle competizioni automobilistiche.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Giovanni Volpi di Misurata è figlio del conte Giuseppe Volpi di Misurata e dell'algerina Nathalie El Kanoni, sposata in seconde nozze.

Ereditò un ingente patrimonio a 24 anni dal padre Giuseppe, politico e fondatore della Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia.

Fondò allora un team, la Scuderia Serenissima, che divenne ben presto uno dei migliori clienti della Ferrari. Seguendo molti tecnici che lasciarono la Ferrari nel 1961, Volpi avvertì l’ira di Enzo Ferrari, che rifiutò di vendergli due 250 GTO che aveva richiesto.

Volpi si schierò successivamente con l'ATS, fornendo le risorse finanziarie per questa casa costruttrice nata da ex-membri della Ferrari.

Nel 1962, la Scuderia Serenissima affidò a Piero Drogo della Carrozzeria Sports Cars e a Giotto Bizzarrini la realizzazione della Ferrari 250 Gt Drogo conosciuta anche come Ferrari Breadvan.

È il proprietario della Villa Rocca di Sabaudia (LT).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Brock Yates, Enzo Ferrari, the Man, the Cars, the Races, (Doubleday, New York) 1991 p. 299. ISBN 0-385-26319-8