Giovanni I d'Alvernia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giovanni I d'Alvernia (... – 24 marzo 1386) fu conte d'Alvernia e conte di Boulogne dal 1361, succedendo nei due feudi al pronipote Filippo I di Rouvres e fu inoltre conte di Montfort[1].

Era figlio di Roberto VII d'Alvernia e della di lui seconda consorte Maria di Dampierre.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1328 Giovanni sposò Giovanna di Saint-Just (1312 - 1383), figlia di Giovanni di Clermont, signore di Charolais.

Alla fine del 1361 fu incaricato, insieme al fratello cardinale di Boulogne, dal re di Francia Giovanni II di incamerare per suo conto la contea di Borgogna il cui titolare, Filippo I, era morto senza eredi il 27 novembre 1361, eseguendo l'incarico con gran rapidità ed efficacia tanto che re Giovanni II poté, già in data 15 gennaio 1362, porre il ducato in appannaggio al figlio Filippo l'Ardito.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Da Giovanna di Saint-Just, Giovanni ebbe:

  • Maria, che sposò Raimondo Luigi Roger de Beaufort, visconte di Turenna (1352 - 1413);
  • Giovanni II (†1404), conte d'Alvernia e conte di Boulogne dal 1386 alla morte.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Da non confondere con Giovanni I, duca d'Alvernia dal 1360 al 1416, più noto come Giovanni, duca di Berry (1340 - 1416), che fu ugualmente, in ragione del suo matrimonio con Giovanna I d'Alvernia (figlia di Giovanni II d'Alvernia (†1404), conte d'Alvernia e di Boulogne, e di Aliénor de Comminges e nipote diretta del conte Giovanni I)

Successioni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Conte d'Alvernia e Conte di Boulogne Successore Blason de l'Auvergne.svg
Filippo I di Borgogna
1360 - 1361
1361-1386 Giovanni II d'Alvernia
1386 - 1404