Giovanna d'Arco - Parte I: Le battaglie

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giovanna d'Arco - Parte I: Le battaglie
Titolo originale Jeanne la Pucelle I - Les batailles
Paese di produzione Francia
Anno 1994
Durata 160 min (129 min: versione ridotta)
Colore colore
Audio sonoro
Genere biografico, drammatico, guerra
Regia Jacques Rivette
Sceneggiatura Pascal Bonitzer, Christine Laurent, Jacques Rivette
Fotografia William Lubtchansky
Montaggio Nicole Lubtchansky
Musiche Jordi Savall
Scenografia Emmanuel de Chauvigny
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi

Giovanna d'Arco - Parte I: Le battaglie è un film del 1994 diretto da Jacques Rivette.

È la prima parte di un progetto biografico sulla vita di Giovanna d'Arco. Fu girato e distribuito insieme a Giovanna d'Arco - Parte II: Le prigioni.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Giovanna d'Arco#Le gesta belliche.

Il film è ambientato durante la guerra dei cento anni e copre l'arco di tempo che spazia tra il gennaio e il maggio del 1429. In questo periodo Giovanna lascia il paese natio di Domrémy e si reca dal Delfino di Francia chiedendo un esercito per contrastare l'invasore inglese; ottenuto ciò che chiede la Pulzella affronta il nemico in una serie di battaglie che culmineranno nella liberazione di Orléans.

Accoglienza[modifica | modifica sorgente]

Il film è stato apprezzato dai critici per la sua veridicità storica e per la ricostruzione della Giovanna guerriera tralasciando i cliché religiosi che in quasi tutte le altre pellicole dedicate alla Pulzella occupano il posto principale dell'opera. Tutto il film è pervaso dal sentimento di distacco del regista che sembra non volere esprimere nessun giudizio sulla protagonista, elogiandone indifferentemente pregi e difetti.

Proprio questa caratteristica è stata apprezzata da Morando Morandini che nel suo dizionario assegna all'opera complessiva (quindi comprendendo anche la seconda parte) ben tre stelle e mezza su un massimo di cinque. Diversamente Pino Farinotti critica la freddezza dell'opera assegnando un voto di due su un massimo di 5.

L'interpretazione che Sandrine Bonnaire offre di Giovanna è inedita e sorprendente. In Italia, tuttavia, il film, suddiviso in due parti, è stato tagliato complessivamente di circa un'ora e mezza per motivi di distribuzione[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]