Georges de Scudéry

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Georges de Scudéry

Georges de Scudéry (Le Havre, 22 agosto 1601Parigi, 14 maggio 1667) è stato un romanziere e drammaturgo francese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Fratello di Madeleine de Scudéry con la quale scriverà molti romanzi pubblicati col suo solo nome, intraprese inizialmente la carriera militare, rinunciandovi nel 1630 per consacrarsi interamente alla letteratura. Nel 1637, con la querelle seguita alla pubblicazione del Cid di Corneille, si pose risolutamente nel campo degli avversari di quella tragedia.

Beneficiato a lungo della protezione del cardinale Richelieu, dopo la scomparsa del ministro, adottò una prudente neutralità nei confronti del cardinale Mazzarino, che lo nominò governatore del forte di Notre-Dame-de-la-Garde a Marsiglia (1644-1647) conferendogli il brevetto di capitano delle galere, una carica puramente onorifica ma anche lucrativa.

Fu eletto membro dell'Académie française nel 1650 ma, per esser stato parte, con il principe di Condé, della Fronda, fu esiliato in Normandia, stabilendosi a Rouen dove nel 1657 sposò la ricca e molto più giovane Marie-Madeleine de Martinvast (1631-1712), che intratterrà una lunga corrispondenza con Roger de Bussy-Rabutin.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Romanzi[modifica | modifica sorgente]

Romanzi scritti in collaborazione con la sorella[1]

  • Ibrahim ou l'Illustre Bassa (1642), con una riduzione teatrale
  • Artamène ou le Grand Cyrus (10 voll., 1649-1653)
  • Clélie (1654-1660)
  • Almahida (8 voll., 1660-1663)

Teatro[modifica | modifica sorgente]

  • Lydamon et Lydias (1631)
  • Le Trompeur puni (1633)
  • La Comédie des comédiens (1634)
  • Le Vassal généreux (1635)
  • Le Prince déguisé (1635)
  • L'Amour tyrannique (1638)
  • Ibrahim ou l'Illustre Bassa (1642), riduzione teatrale del romanzo

Varie[modifica | modifica sorgente]

  • Observations sur «Le Cid» (1637)
  • Preuve de passages allégués dans les «Observations sur « Le Cid» (1637)
  • Alaric ou Rome vaincue (1654), poema epico

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ La parte corrispondente ai due autori può dedursi dal predominare delle avventure militari o dalle conversazioni galanti. Si può ritenere il romanzo Almahida interamente di Georges de Scudéry, mentre a Madeleine andrebbe attribuita interamente la Clélie, e la seconda metà dell'Artamène ou le Grand Cyrus.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 95159204 LCCN: n84233680