G2 (USA-Cina)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il G2 è un accordo informale tra Stati Uniti d'America e Cina (rispettivamente la prima e, dal 2010, la seconda potenza economica mondiale in termini di prodotto interno lordo[1]) che consta del rapporto bilaterale e, per certi versi, privilegiato tra questi due Stati.

Tale relazione si è affermata nel corso del 2009 con l'affiancamento del G8 al G20, forse anche in virtù del numero relativamente elevato di membri di quest'ultimo. Essa è altresì indotta dalla situazione economica mondiale e da quella reciproca dei due paesi (la Cina è il principale creditore degli Stati Uniti d'America).


Confronto tra i due Stati[modifica | modifica sorgente]

Stati Uniti Stati Uniti Cina Cina
Area 9.372.614 km² 9.596.960 km²
Popolazione 307.721.000 1.338.751.000
Densità di popolazione 31/km² 140/km²
Capitale Washington, D.C. Pechino
Città più popolosa New York - 8,363,710 (19,006,798 nell'area metropolitana ) Shanghai - 23 030 048
Governo Repubblica democratica presidenziale federale Stato comunista federale (Una Cina due sistemi)
Lingue ufficiali Inglese (de facto) Cinese
PIL $14.266.201 miliardi $10.084,369 miliardi
PIL pro capite $47.440 $7.518
Indice di sviluppo umano 0,950 (15°) 0,781 (94°)
Riserve di cambio estere 75.654 (milioni di dollari) 2.132.000 (milioni di dollari)
Spese militari 663,7 miliardi di dollari (FY 2010) [2] 80 miliardi di dollari

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Giappone: "Cina seconda economia al mondo". Tokyo scalzata per la prima volta dal '68
  2. ^ FDsys - Browse BUDGET

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Alessandro Spaventa e Salvatore Monni, Al largo di Okinawa. Petrolio, armi, spie e affari nella sfida tra Cina e Usa, Editori Laterza (collana "i Robinson / Letture"), 2009. ISBN 978-88-420-8930-8

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Gruppi non più esistenti[modifica | modifica sorgente]