Frisona

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vacca Frisona
Specie Cowicon.svg Vacca
Holstein cows large.jpg
Frisona
Localizzazione
Zona di origine regione della Frisia, Paesi Bassi / Germania
Diffusione mondiale
Aspetto
Altezza maschi: 138 - 155 cm
femmine: 130 - 150 cm
Peso maschi: 1.200 - 1.300 kg
femmine: 650 - 750 kg
Mantello pezzato nero o pezzato rosso
Allevamento
Utilizzo da latte
Carattere vivace e nervoso

La razza Frisona è una razza bovina. La razza allevata in Italia è detta Frisona italiana e rappresenta il ceppo italiano della razza.

Storia della razza[modifica | modifica wikitesto]

La razza Frisona, come suggerisce il nome, è originaria della regione della Frisia, a cavallo tra i Paesi Bassi e la Germania. La regione è particolarmente vocata all'allevamento bovino da latte, grazie al clima mite, che consente la crescita del pascolo e più in generale delle essenze foraggere per buona parte dell'anno. Solitamente in quest'area il sistema di allevamento è semintensivo e gli animali sono condotti dalle stalle al pascolo e viceversa per buona parte dell'anno. Sin dalle origini l'aspetto esteriore di questi bovini è stato quello di animali armonici e vigorosi, con buoni diametri trasversali e con una eccellente capacità addominale. Il temperamento è vivace e nervoso. Caratteristica della razza è la pezzatura con aree a pigmentazione bianca e nera che si alternano sul mantello e solitamente sono nettamente delineate le une rispetto alle altre.

Le selezioni per un buon latte[modifica | modifica wikitesto]

I pregevoli risultati ottenuti dal bestiame olandese sono storicamente ascrivibili all'utilizzo di tori miglioratori o preferent, che sono individuati sin dal 1910 tramite progeny test o confronto madri figlie. La Frisona olandese approdò negli Stati Uniti nel 1621 al seguito dei coloni olandesi ma successivamente venne sterminata da una epidemia di pleuropolmonite. Le importazioni ripresero nella seconda metà del 1800 e continuarono creando una base genetica di circa 8.000 soggetti su cui si basa la selezione del ceppo americano di Frisona chiamato Holstein Friesian. La selezione Holstein prevede inizialmente la creazione di un animale fortemente lattifero che, successivamente, prende in considerazione anche l'aspetto della longevità funzionale, curando arti e piedi, mammella e fertilità. Altri ceppi locali della razza sono: la Frisona austriaca, la Frisona canadese, la Frisona finnica, la Frisona francese, la Frisona inglese, la Frisona israeliana, la Frisona olandese, la Frisona svedese, la Frisona svizzera, la Frisona tedesca. In Italia è presente un ceppo, la Frisona italiana, che in realtà è una popolazione geneticamente eterogenea in quanto derivata da processi di selezioni differenziata nelle varie regioni

Caratteristiche morfologiche[modifica | modifica wikitesto]

La valutazione morfologica viene espressa per tutte le femmine che abbiano partorito e per i maschi di oltre 18 mesi. La lunghezza media della gravidanza è di 287 giorni.

Vacca[modifica | modifica wikitesto]

  • Mantello: pezzato nero o pezzato rosso.
  • Statura: alta, meglio se al garrese una vacca adulta misura più di 155 cm.
  • Testa: espressiva, proporzionata, distinta e vigorosa, profilo superiore rettilineo; occhi vivaci, orecchie molto mobili, narici larghe e musello ampio e forti mascelle.
  • Anteriore armonico collo allungato, sottile e ricco di pliche cutanee; garrese ben serrato, pronunciato e affilato; spalle fuse con il collo;
  • Petto forte e ampio.
  • Arti anteriori in appiombo e ben distanziati.
  • Piedi forti e con alta suola. Linea dorsale rettilinea con lombi larghi e forti.
  • Groppa lunga e livellata, meglio se pendente verso gli ischi; coda piuttosto sottile.
  • Arti posteriori in appiombo, forti e asciutti; piedi forti, ben serrati con suola alta, pastoie forti.
  • Natiche con profilo rettilineo; garretti larghi e piatti, cioè puliti.
  • Mammella saldamente attaccata, vene addominali prominenti e tortuose, vene mammarie molto ramificate non troppo grosse e ramificate, tessuto spugnoso ed elastico. Legamento sospensorio mediano forte che divide nettamente la mammella in due parti uguali. Capezzoli perpendicolari al suolo, di giuste dimensioni (circa 6 cm), inseriti al centro di ciascun quarto.
  • Peso femmina adulta 650 - 750 kg
  • Altezza femmina adulta 130 - 150 cm
  • produzione lattea annua al 2007 8000 - 10000 kg
  • produzione lattea annua al 2011 9190 kg [1]

Toro[modifica | modifica wikitesto]

Le caratteristiche morfologiche sono uguali per quanto riguarda il mantello, ecc., con ovvio riguardo alla mascolinità che si riflette in una maggior mole ed in una maggiore potenza di ogni singola parte.

  • Peso maschio adulto 1.200 - 1.300 kg
  • Altezza maschio adulto 138 - 155 cm

Vitello[modifica | modifica wikitesto]

  • alla nascita peso variabile dai 40 kg fino a oltre 55 nei maschi. Nei primi 3 mesi di vita hanno un accrescimento sostenuto, sia in altezza che in peso, pari a 2 millimetri e quasi 900 grammi al giorno.

Hanno l'apparato digerente simile ai mono gastrici fino a circa 50 giorni di vita, per poi sviluppare il rumine e cominciare a ricavare energia dai foraggi. Sono tipicamente di carne bianca fino al periodo in cui smettono di assumere latte.

Organizzazione degli allevatori[modifica | modifica wikitesto]

Gli allevatori italiani sono associati sotto il nome di ANAFI. L’ANAFI è per statuto un’associazione senza fini di lucro con sede a cremona. Le sue attività istituzionali sono: il processo selettivo della razza, la promozione, la valorizzazione e la diffusione della razza Frisona italiana e dal 1999 della razza Jersey. L’Associazione nasce nel 1945 con la denominazione di "Associazione Allevatori di Bovini di razza Pezzata Nera Italiana" con i compiti di effettuare i controlli funzionali e di tenere il Libro Genealogico Nazionale. In seguito, nel 1957 diventa ANAFI Associazione Nazionale di Razza Frisona Italiana. Ha l’incarico, assegnatole dall’allora Ministero dell’Agricoltura e Foreste, di gestire il "Libro Genealogico" della razza e di promuovere, attraverso l’attività deliberativa della Commissione Tecnica Centrale del Libro Genealogico, la selezione della razza stessa.

Libro Genealogico[modifica | modifica wikitesto]

Il Libro Genealogico, rappresenta lo strumento per la selezione ai fini del miglioramento della razza Frisona Italiana, ed ha la finalità di indirizzare sul piano tecnico, con particolare riguardo alla determinazione delle qualità genetiche dei riproduttori, l’attività di selezione e produzione in seno alla razza, promuovendone nel contempo la valorizzazione economica. Esso mira alla conservazione della popolazione bovina di razza Frisona Italiana, geneticamente distinta, definendone sul piano tecnico i criteri di miglioramento genetico. L’adesione al Libro Genealogico da parte degli allevatori è volontaria, ed è gestita dalle Associazioni Regionali Allevatori (ARA) a cui aderiscono singolarmente. Nel Libro Genealogico confluiscono tutti i dati dei Controlli Funzionali (anagrafici, riproduttivi e produttivi) e morfologici, riguardanti i soggetti iscritti che rappresentano la popolazione animale controllata.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi