Flusso incomprimibile

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Un problema fluidodinamico viene detto di flusso incomprimibile, o spesso in letteratura tecnica flusso incompressibile, quando le variazioni di densità del fluido non hanno effetti apprezzabili sulla soluzione (e quindi la densità può essere considerata con buona approssimazione costante).

Ciò avviene, ad esempio nei moti in aria a bassa velocità, all'incirca fino a velocità pari a circa 0,3 Mach. Inoltre, quasi tutti i problemi in cui vengono studiati dei liquidi vengono considerati come incomprimibili.

In tale caso è possibile utilizzare una forma semplificata delle equazioni di Navier-Stokes che permette in alcuni casi anche di giungere ad una soluzione analitica del problema.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]