Figeac

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Figeac
comune
Figeac – Stemma
(dettagli)
Figeac – Veduta
Dati amministrativi
Stato Francia Francia
Regione Blason Languedoc.svg Midi-Pirenei
Dipartimento Blason département fr Lot.svg Lot
Arrondissement Figeac
Cantone Figeac-Est
Figeac-Ovest
Territorio
Coordinate 44°36′N 2°02′E / 44.6°N 2.033333°E44.6; 2.033333 (Figeac)Coordinate: 44°36′N 2°02′E / 44.6°N 2.033333°E44.6; 2.033333 (Figeac)
Altitudine 170-451 m s.l.m.
Superficie 35,11 km²
Abitanti 10 627[1] (2009)
Densità 302,68 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 46100
Fuso orario UTC+1
Codice INSEE 46102
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Francia
Figeac
Sito istituzionale

Figeac è un comune francese di 10.627 abitanti, sede di sottoprefettura, situato nel dipartimento del Lot nella regione del Midi-Pirenei. Fra i suoi edifici più notevoli, si segnalano l'Hôtel de la Monnaie (XIII secolo), attualmente sede di un museo archeologico, e la chiesa romanica di St-Sauveu.

Storia[modifica | modifica sorgente]

È molto probabile che il nome Figeac derivi dal nome di persona Fidius combinato col suffisso latino -acum, indicante possesso: il toponimo Fidiacum si sarebbe poi evoluto nel termine contemporaneo[2]; è altresì documentato l'intermedio Fiat di epoca carolingia.

Sul posto venne fondata un'abbazia in epoca carolingia[3], che presto prosperò vista la posizione sul Cammino di Santiago di Compostela, divenendo parte di un importante agglomerato urbano. Nel corso del Basso Medioevo vi furono crescenti tensioni fra le famiglie dei mercanti ed il potere abbaziale, tanto che nel 1302 Filippo il Bello cercò di porre fine alle dispute ponendo Figeac sotto la propria diretta dipendenza ed accordando alla città il privilegio di battere moneta; a questo privilegio se ne aggiunsero altri nel corso del secolo XIV[3].

Nel 1371 la città fu conquistata dalle truppe inglesi, che però la abbandonarono l'anno successivo in seguito alla riscossione di una indennità.

Durante le guerre di religione, Figeac fu teatro di sanguinosi scontri, che terminarono col dominio protestante sulla città, che fu confermato dall'Editto di Nantes. La cittadella, edificata nel corso dei conflitti religiosi, fu abbattuta nel 1622, mentre altre fortificazioni furono distrutte nel corso del secolo XVIII.

Nel 1790 nacque a Figeac Champollion.

Nel 1862 la città fu collegata alla ferrovia.

Nel 1944 i soldati nazisti, per rappresaglia all'attività di resistenza, arrestarono 800 cittadini dei quali 540 furono deportati verso Dachau e Neuengamme.

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti

Persone legate a Figeac[modifica | modifica sorgente]

  • Nel 1897 Figeac diede i natali a Charles Boyer, poi naturalizzato statunitense, caratterista in "A piedi nudi nel parco".
  • Il 23 dicembre 1790 a Figeac nacque Jean-François Champollion, il famoso decifratore dei geroglifici egizi. Il suo lavoro fu possibile grazie alla scoperta della stele di Rosetta da parte di un soldato di Napoleone durante la campagna d'Egitto del 1798. Per questo motivo Champollion è considerato il padre dell'Egittologia. Nella città di Figeac, sulla Place des Écritures (Piazza delle scritture), vi è una enorme riproduzione della stele di Rosetta di dimensione circa 14 metri per 7 metri, scolpita nel granito nero dello Zimbabwe da Joseph Kosuth.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ INSEE popolazione legale totale 2009
  2. ^ G. Bazalgues, À la découverte des noms de lieux du Quercy, Éditions de la Bouriane et du Quercy, 2002
  3. ^ a b V. A. Malte-Brun, Lot : Géographie - Histoire - Statistique - Administration, Les éditions du Bastion, 1882 (poi ristampato nel 1980)

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Francia Portale Francia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Francia