Eurypharynx pelecanoides

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Eurypharyngidae)
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Anguilla pellicano
Eurypharynx2.jpgEurypharynx pelecanoides.jpg
Eurypharynx pelecanoides
Stato di conservazione
Status none NE.svg
Specie non valutata
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Osteichthyes
Classe Actinopterygii
Sottoclasse Neopterygii
Infraclasse Teleostei
Superordine Elopomorpha
Ordine Saccopharyngiformes
Sottordine Saccopharyngoidei
Famiglia Eurypharyngidae
Genere Eurypharynx
Specie E. pelicanoides
Nomenclatura binomiale
Eurypharynx pelecanoides
Vaillant, 1882

L'anguilla pellicano (Eurypharynx pelecanoides Vaillant, 1882)[1] è un pesce abissale, unico rappresentante della famiglia Eurypharyngidae.[2]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

La caratteristica principale di questo pesce è l'enorme bocca, formata da un'incredibile apertura mascellare (fino a 0,6 m di larghezza) che usa per raccogliere i piccoli organismi di cui si nutre. Per la sua forma scarsamente idrodinamica e la costituzione fragile, certamente non è in grado di nuotare in modo veloce per catturare le sue prede. Probabilmente resta in agguato, attirando le prede con un organo luminescente situato all'estremità caudale del corpo. Può raggiungere la lunghezza di 1,8 m.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Oviparo, si riproduce soltanto una volta nella vita.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

È specie cacciatrice: si nutre di cefalopodi, invertebrati abissali e pesci.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

L'anguilla pellicano è diffusa in tutte le acque tropicali e temperate del globo, Mediterraneo escluso.

Vive a profondità comprese tra i 500 e i 7.500 m.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Eurypharynx pelecanoides, scheda su FishBase
  2. ^ Eurypharyngidae, scheda su FishBase

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Bauchot, M.-L., 1979. Eurypharyngidae. p. 218. In J.C. Hureau and Th. Monod (eds.) Check-list of the fishes of the north-eastern Atlantic and of the Mediterranean (CLOFNAM). UNESCO, Paris. Vol. 1.
  • Charter, S.R., 1996. Eurypharyngidae: umbrellamouth gulpers. p. 155-157. In H.G. Moser (ed.) The early stages of fishes in the California Current region. California Cooperative Oceanic Fisheries Investigations Atlas No. 33. Allen Press, Inc., Lawrence, Kansas. 1505 p.
  • Nielsen, J.G. and E. Bertelsen, 1986. Eurypharyngidae. p. 534. In P.J.P. Whitehead, M.-L. Bauchot, J.-C. Hureau, J. Nielsen and E. Tortonese (eds.) Fishes of the north-eastern Atlantic and the Mediterranean. UNESCO, Paris. Vol. 2.
  • Nielsen, J.G. and E. Bertelsen, 1990. Eurypharyngidae. p. 206. In J.C. Quero, J.C. Hureau, C. Karrer, A. Post and L. Saldanha (eds.) Check-list of the fishes of the eastern tropical Atlantic (CLOFETA). JNICT, Lisbon; SEI, Paris; and UNESCO, Paris. Vol. 1.
  • Smith, D.G., 1997. Eurypharyngidae. Gulper eels. p. 1695. In K.E. Carpenter and V.H. Niem (eds.) FAO species identification guide for fishery purposes. The living marine resources of the WCP. Vol. 3. Batoid fishes, chimaeras and bony fishes part 1 (Elopidae to Linophrynidae). FAO, Rome.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]