Etemenanki

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ricostruzione dell'Etemenanki.

L'Etemenanki (in sumerico É-temen-an-ki, ossia "casa delle fondamenta del cielo e della terra" o anche "pietra angolare del cielo e della terra) era la principale ziqqurat della città di Babilonia, nell'antica Mesopotamia (oggi Iraq). Insieme alla vicina Esagila, poco più a sud della ziqqurat, costituiva il centro religioso principale della città e di tutta l'area circostante.

Edificio[modifica | modifica sorgente]

La struttura era costituita da mattoni cotti smaltati, e dunque colorati: a causa dell'alto valore della sua copertura, subì innumerevoli saccheggi. L'attuale ricostruzione si basa sulla descrizione riportata dal greco Erodoto (Storie I, 181) intorno al 460 a.C., e da ciò che viene tramandato dalla tavola dell'Esagila. Secondo questi testi l'Etemenanki aveva una pianta di forma quadrata, la cui misura dei lati (di 91,5 metri) corrispondeva probabilmente alla stessa altezza; sulla sommità della torre si trovava il santuario del dio Marduk, anche se all'interno vi erano le statue di altre divinità. Sempre nell'edificio centrale era conservato anche il letto delle nozze sacre, di due metri di lato per poco più del doppio. La sua altezza complessiva era di circa novanta metri, costituita da sette gradoni con altezza decrescente; secondo Erodoto vi era anche un rampa elicoidale per l'accesso, ma le testimonianze archeologiche mostrano che in realtà vi si doveva trovare una rampa perpendicolare, probabilmente come nella ziqqurat di Ur.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Esarhaddon e la madre per il restauro di Babilonia, bronzo (Parigi, Louvre).

Secondo alcuni testi sarebbe stato il celebre Hammurabi a costruire inizialmente l'edificio nel II millennio, e secoli dopo l'assiro Sennacherib nel 689 a.C. l'avrebbe raso al suolo, nell'intento di distruggere definitivamente la città di Babilonia e i suoi monumenti. Suo figlio Esarhaddon ricostruì l'edificio, come fece anche il suo successore Assurbanipal. L'attuale forma dell'Etemenanki si deve al re caldeo Nabopolassar, che non riuscì però a concluderne il restauro e lasciò incompiuta la costruzione: da questo fatto sarebbe nato il racconto ebraico della Torre di Babele. Il restauro proseguì col figlio Nabucodonosor II (VI secolo a.C.), che restaurò l'edificio grazie ai proventi delle sue conquiste in Assiria.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Mario Liverani, Antico Oriente, Laterza, Roma-Bari 1988
  • Frances Pinnock, Lineamenti di storia dell'arte e archeologia del Vicino Oriente antico, Parma 2004, pag. 158 fig. 187
  • Stefano Seminara, Immortalità dei simboli, Bompiani, Milano 2006, pagg. 113-115

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

A.R. George, Tower of Babel: Archaeology, history and cuneiform texts, 2005

archeologia Portale Archeologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di archeologia

Coordinate: 32°32′11″N 44°25′15″E / 32.536389°N 44.420833°E32.536389; 44.420833