Erwin Lahousen von Vivremont

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Erwin Lahousen durante il Processo di Norimberga

Erwin Heinrich René Lahousen, Edler von Vivremont (Vienna, 25 ottobre 1897Innsbruck, 24 febbraio 1955), è stato un generale austriaco.

Figlio di un nobile d'origini slovene e belghe, studiò all'Accademia militare teresiana di Wiener Neustadt e divenne membro del servizio antispionaggio austriaco durante la Prima guerra mondiale e nel 1916 venne insignito dell'Ordine del Toson d'oro e della nomina a capitano.

Tra il 1920 e il 1928 appoggiò i monarchici e salì rapidamente di grado nell'esercito divenendo colonnello; dopo l'Anschluss conobbe alcuni suoi futuri colleghi dell'Abwehr: Nikolaus von Üxküll-Gyllenband e Rudolf von Marogna-Redwitz.

Nel 1935 entrò grazie a i prima nominati e al compagno di studi Ferdinand von Lüninck nell'Abwehr come direttore del servizio di sabotaggio.

Tra il 1940 e il 1942 sabotò insieme a Ulrich Wilhelm von Schwerin von Schwanenfeld e Peter Yorck von Wartenburg più di 170 operazioni delle SS in Polonia.

Nel 1943 un compagno dell'Abwehr, Wolf-Heinrich von Helldorf, gli presentò Claus Schenk von Stauffenberg, Fabian von Schlabrendorff e Axel von dem Bussche.

Nel 1944, arrestrato insieme a Ewald von Kleist-Schmenzin e Albrecht von Hagen, ma al contrario di questi ultimi, che furono fucilati, egli venne mandato nel campo di concentramento di Flossenbürg per mancanza di prove; liberato alla fine della guerra, fu uno dei più importanti accusatori di Hermann Göring durante il Processo di Norimberga. Controllo di autorità VIAF: 52569726 LCCN: nb2006003527