Eroe culturale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'eroe culturale è un eroe della mitologia o della leggenda di un determinato gruppo (culturale, etnico, razziale, religioso ecc.), che è però diverso dall'eroe inteso nell'accezione comune. classico. Egli è infatti un civilizzatore di una società o di un popolo. Costui introduce nuove usanze, nuovi costumi, nuovi culti e a volte addirittura pure nuove cucine. Cambia il mondo con un'invenzione o una scoperta: il fuoco, l'agricoltura, la musica e via dicendo.

Giunto in mezzo a un popolo, ne stabilisce il modo di vivere sociale e civile. Contribuisce alla crescita del popolo con invenzioni, iniziando stirpi e dinastie, dando il proprio nome a città, paesi, regioni. A volte è successo che abbia fondato addirittura delle città, ma qui la storia si confonde con la mitologia e non si riesce più a trovare un vero unico filo di verità.

Ovviamente un eroe culturale deve essere dotato di un carisma e di qualità che sono al di fuori dell'ordine comune: virtù e difetti civili, naturali, etici e sociali del proprio tempo. A lui non si chiede niente, non è oggetto di culto popolare, ma tutt'al più di commemorazione collettiva in determinati avvenimenti. Perciò non possiede poteri soprannaturali, né prima né dopo la morte, ma può contare solo su se stesso e sul popolo che colonizza.

Il termine di eroe culturale è a volte utilizzato metaforicamente per indicare autori o artisti di grande importanza.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]