Erbario

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Una pagina del Dioscoride (VII secolo), Biblioteca Nazionale di Napoli, Cod. Gr. 1

Nella parola erbario confluiscono due definizioni diverse, seppur storicamente e concettualmente legate tra loro: da una parte un compendio che descrive più o meno riccamente il regno vegetale (herbarium o hortus siccus[1]); dall'altra, un edificio atto a ospitare una o più collezioni di campioni secchi (exsiccata).

Horti sicci[modifica | modifica wikitesto]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La confidenza che l'uomo ha stabilito progressivamente con il mondo vegetale lo ha portato inizialmente ad avvicinare le piante per inquadrarle in una rudimentale classificazione per commestibilità o tossicità, quindi a osservarne macroscopicamente i cicli vitali, infine alla domesticazione, conoscenza di virtù, proprietà medico-farmacologiche, dettagli sui cicli biologici. Un esempio di questa crescente quotidianità delle piante già negli stadi più arcaici della civilizzazione è nelle tombe egizie del III millennio a.C: raffigurazioni di palme, fichi, piante da fiore. Una prima summa riconosciuta di queste conoscenze empiriche si ebbe durante il periodo greco-romano.

Erbari greco-romani[modifica | modifica wikitesto]

La nascita della filosofia giocò un ruolo fondamentale alla stesura di queste prime raccolte probabilmente già nel VI-V sec a.C[2] di conoscenza delle piante: le domande che l'uomo si poneva sempre più insistentemente sull'ordine e origine dell'universo lo portarono alla ricerca e all'osservazione anche del mondo vegetale, dalla morfologia alle proprietà alimentari e medicinali. Le conoscenze così accumulate mescolavano elementi di mera natura botanica ad altri farmaceutici, il che riflette la visione non disgiunta dei due aspetti, da quanto si deduce già da una delle prime raccolte ritrovate attribuita a Teofrasto[3] (371 a.C. – 286 a.C.), che ne descrisse circa cinquecento nelle sue due opere Historia Plantarum[4] e De Causis Plantarum.

Nel medioevo si trattava di una particolare categoria di libri che raccoglievano brevi descrizioni, spesso a carattere medico, e descrivevano le virtù delle piante. Si chiama erbario anche una collezione di piante o di parti di piante essiccate e pressate accuratamente, individuate e classificate scientificamente, utilizzata per studi botanici.

Attualmente il termine erbario indica sia una raccolta di piante essiccate (exiccata), sia una struttura museale dedicata alla raccolta completa e sistematica delle specie, opportunamente essiccate e ordinate in modo da poter essere conservate e consultate. Le istituzioni di tutto il mondo sono censite nell’Index Herbariorum: più di 3000 sedi, che ospitano 273 milioni di esemplari, di cui circa 120 in Italia, che conservano 9 milioni di esemplari.[5]

Altre raccolte, simili per l'impostazione ma di diverso argomento, sono i lapidari (che raccoglievano le proprietà delle rocce e dei minerali) e i bestiari (che descrivevano gli animali, o bestie).

Erbari[modifica | modifica wikitesto]

Anticamente l'erbario era un libro, spesso ricco di illustrazioni miniate, che descriveva l'aspetto, le proprietà medicinali e altre caratteristiche (semina, raccolta...) delle piante usate in medicina (erbari figurati). Il primo erbario conosciuto è quello di Dioscoride, un medico di origine greca che nel I secolo d.C. venne a Roma e scrisse il De materia medica. Questo codice, prototipo di tutti gli erbari successivi, venne copiato verso il 515 per essere regalato ad Anicia Giuliana, figlia dell'imperatore d'Occidente Anicio Olibrio, per ringraziarla della costruzione di una chiesa dedicata alla Madonna: si tratta del manoscritto più antico di un erbario pervenutoci, tra l'altro corredato da superbe illustrazioni di grande realismo (oggi è conservato a Vienna). Il Dioscoride fu uno dei libri più copiati del medioevo e ci sono pervenuti numerosissimi manoscritti. Già nel X secolo le illustrazioni del De materia medica risultano molto più grossolane, mentre però si iniziarono a adattare i contenuti delle piante presentate aggiungendo esemplari locali (soprattutto nel Nord Europa e in Inghilterra) e specie legate a particolari mitologie (come la mandragora). Particolarmente pregiati sono alcuni erbari medievali prodotti in area fiamminga, dove la produzione artistica locale è caratterizzata da una spiccata attenzione al dettaglio e al realismo anche più minuto e spicciolo.


Verso la fine del XV secolo compare l’uso di porzioni di piante o di intere piante essiccate (hortus siccus) che sostituiscono le raffigurazioni.

Erbari come raccolta di campioni[modifica | modifica wikitesto]

Le varie fasi della costruzione di un erbario comprendono:

  • La raccolta dei campioni che devono possedere tutte le parti necessarie per la determinazione.
  • Il processo di essiccazione dei campioni tramite la compressione degli stessi tra due fogli di carta assorbente. Il processo è completo quando le piante sono rigide e perfettamente asciutte.
  • L'etichettatura dei campioni essiccanti. L'etichetta prevede l'inserimento di varie informazioni tra cui:
    • la denominazione scientifica della specie
    • la posizione sistematica
    • la data di raccolta
    • il luogo di raccolta, con quota s.l.m. e possibilmente le coordinate geografiche
    • l'habitat
    • il raccoglitore
    • il determimatore
    • informazioni riguardanti le dimensioni, il colore delle foglie, la forma e le dimensioni dei fiori insieme ad altri particolari.
  • La protezione periodica delle piante dagli insetti e dai parassiti tramite fumigazione con insetticidi o repellenti.

Gli esemplari, che vengono poi montati su fogli di carta bianca rigida dopo l'etichettatura, vengono poi collocati in una custodia protettiva. Alcuni gruppi di piante sono morbidi, voluminosi, o comunque non suscettibili di essiccazione e non adatte per la stesura su fogli. Per queste piante, possono essere utilizzati altri metodi di preparazione e conservazione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Guido Moggi, "Origine ed evoluzione storica dell'erbario", in "Herbaria. Il grande libro degli erbari italiani. Per la ricerca tassonomica, la conoscenza ambientale e la conservazione del patrimonio naturale", Nardini, 2012.
  2. ^ G. Maggi, op. cit..
  3. ^ Enciclopedia Treccani, Teofrasto.
  4. ^ Annibale Mottana, Prima traduzione italiana di Teofrasto per Ferrante Imperato nel 1598.
  5. ^ www.nybg.org

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Galloni Paolo, Il sacro artefice, Laterza, Bari 1998.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica