Elettra (astronomia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Elettra
Foto della stellaFoto della stella
Classificazione gigante blu multipla
Classe spettrale B6III
Distanza dal Sole 440 anni luce
Costellazione Toro
Coordinate
(all'epoca J2000.0)
Ascensione retta 03h 44m 52,5s
Declinazione +24° 06′ 48″
Dati fisici
Raggio medio 6 R
Massa
Luminosità
1225 L
Età stimata 130 milioni di anni
Dati osservativi
Magnitudine app. 3,72
Magnitudine ass. -1,56
Nomenclature alternative
17 Tauri, BD+23 507, FK5 136, GC 4477, HD 23302, HIP 17499, HR 1142, SAO 76131

Elettra (nota anche come 17 Tauri) è una stella nella costellazione del Toro; si tratta di una delle componenti dell'ammasso aperto delle Pleiadi, di cui costituisce la terza stella più brillante in termini relativi (magnitudine apparente 3,72), e giace ad una distanza di circa 440 anni luce dal sistema solare. Il suo nome proprio deriva dalla figura mitologica di Elettra, una delle Pleiadi mitologiche.[1]

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

La posizione di Elettra nelle Pleiadi.

Elettra appartiene alla classe spettrale B6III ed è pertanto una gigante blu, ossia una stella in fase di dilatazione a causa dell'espansione che sta iniziando a subire per il progressivo esaurimento della scorta di idrogeno nel suo nucleo.

La sua luminosità assoluta è pari a 1225 volte quella del Sole, a causa dell'alta temperatura superficiale della stella, quantificata in 14.000 K. Con un raggio 6 volte quello della nostra stella, è una delle quattro stelle giganti dell'ammasso.

Elettra compie una rotazione sul proprio asse con una velocità di circa 170 km/s, completandone una in meno di 1,75 giorni. Come altre stelle delle Pleiadi, è circondata da un disco circumstellare di materia espulsa, il che la rende una stella Be. La sua massa è stimata in 5 masse solari, e la sua età sarebbe di 130 milioni di anni.

Sono state registrate storicamente alcune occultazioni perfette di questa stella ad opera dei pianeti del sistema solare e della Luna; l'ultimo di questi eventi avvenne il 9 maggio 1841 ad opera del pianeta Venere.

A partire dal suo spettro e grazie ad alcune osservazioni condotte durante un'occultazione dell'astro da parte della Luna, è stato possibile comprendere che Elettra è una stella binaria stretta. La sua compagna, probabilmente una stella bianca di sequenza principale, orbita a 0,8 UA dalla gigante blu con un periodo di 100,46 giorni.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Da non confondersi con un'altra Elettra, donna mortale figlia di Agamennone.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

stelle Portale Stelle: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di stelle e costellazioni