Domenico Fenocchio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Domenico Fenocchio
Domenico Fenocchio.jpg
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Motociclismo IlmorX3-003.png
Dati agonistici
Specialità Motocross
Carriera
Carriera nel Motocross
3 volte campione italiano 1953, 1954, 1955
 

Domenico Fenocchio (Ghedi, 7 febbraio 1913Brescia, 27 marzo 2007) è stato un pilota motociclistico italiano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Reduce da oltre otto anni di servizio militare come motociclista portaordini (anche a causa della seconda guerra mondiale), Fenocchio fece il suo esordio nelle competizioni motociclistiche alla Sei Giorni svoltasi nel 1948 a Sanremo, ritirandosi. Poco dopo si procurò una Matchless 350 ex militare con cui iniziò a correre nel motocross, spesso raggiungendo il luogo della gara con la stessa moto con cui gareggia, cambiando gli pneumatici, eliminando la targa e i fanali.

Nei primi anni corse in varie specialità (velocità, cross, regolarità e gimcane) con i mezzi più disparati, finché nel 1952 entrò a far parte della squadra Gilera. In quello stesso anno fu 4° alla Milano-Taranto su una Nettuno 250.

La Casa di Arcore destinò Fenocchio principalmente alla regolarità, ma il centauro bresciano ottenne ottimi risultati anche nel cross: nel 1953 fu campione italiano della 500, titolo ripetuto anche nei due anni successivi. Pur di correre nel motocross, il bresciano acquistò un Saturno Cross, così da poter correre all'estero, dove i premi erano più ricchi.

Nella regolarità invece, al secondo posto nel Trofeo FMI del '53 si affiancarono le medaglie d'oro alle Sei Giorni 1954, 1956 e 1958 e la vittoria alla nona edizione della Valli Bergamasche, nel 1956[1].

Inoltre, nel 1953 vinse anche il Trofeo Nazionale Gincane e corse il Motogiro d'Italia con una Gilera 150 Sport, ritirandosi alla seconda tappa dopo un ottimo 3º posto nella prima giornata, mentre nel 1955 vinse la sua categoria (500 cm³ Sport) alla Milano-Taranto, ottenendo anche il 4º posto assoluto. Nel suo carniere anche quattro partecipazioni alla Mille Miglia, due delle quali portate a termine nella classe 750.

Alla partecipazione alle competizioni, abbandonate ufficialmente nel 1959 (ma con appendici a livello locale sino al 1970) Fenocchio affiancò l'attività di rivenditore e riparatore Gilera a Brescia. Fenocchio è morto nel 2007 a 94 anni.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dal sito Six-days.org

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Carlo Bianchi, Pilota tutto fare, Motociclismo d'Epoca 6/2007, Edisport, Milano
  • Paolo Conti, "Domenico Fenocchio l'importante è correre", Legend Bike n 55/1997

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]