Dipartimento della Sicurezza Interna degli Stati Uniti d'America

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
United States Department of Homeland Security
US Department of Homeland Security Seal.svg
Sigillo del Dipartimento della Sicurezza Interna
Istituito 25 novembre 2002
Segretario Janet Napolitano
Bilancio 52 miliardi di dollari (2009)
Impiegati 208.000 (2007)

Il Dipartimento della Sicurezza Interna degli Stati Uniti d'America (in inglese United States Department of Homeland Security) è un dipartimento del Gabinetto degli Stati Uniti d'America.

Ha il compito di proteggere il territorio degli Stati Uniti d'America da attacchi terroristici e di rispondere in caso di disastri naturali, con funzioni simili a quelle del Ministero dell'Interno italiano.

Storia[modifica | modifica sorgente]

In risposta agli attentati dell'11 settembre 2001, il Presidente George W. Bush annunciò la formazione di un Ufficio di Sicurezza Interna per coordinare gli sforzi della sicurezza. L'ufficio fu guidato dall'ex Governatore della Pennsylvania Tom Ridge, che assunse anche il titolo di Assistente al Presidente per la Sicurezza Interna. Ridge cominciò il suo lavoro all'Ufficio di Sicurezza Interna l'8 ottobre 2001.
Il 25 novembre 2002 venne istituito ufficialmente il Dipartimento della Sicurezza Interna in seguito alla promulgazione dell'Act of home security (legge sulla sicurezza interna) nel 2002. Con la sua istituzione si intese accorpare in un unico ministero tutte quelle organizzazioni governative e agenzie federali, che facevano riferimento alla sicurezza interna.

Il 1º marzo 2003 il Dipartimento ha assorbito il vecchio Servizio di Immigrazione e Naturalizzazione, assumendone i poteri.

Funzioni[modifica | modifica sorgente]

La creazione del dipartimento ha rappresentato una significativa riorganizzazione governativa della storia degli USA, e la delle agenzie federali dall'Atto di Sicurezza Nazionale del 1947, che incardinò i differenti dipartimenti militari sotto un segretario alla difesa e creò il Consiglio di Sicurezza Nazionale e la CIA.

Mentre il Dipartimento della Difesa è incaricato delle azioni militari all'estero, il Dipartimento della Sicurezza Interna lavora entro la sfera civile per proteggere gli Stati Uniti all'interno e all'esterno dei suoi confini. L'obiettivo dichiarato è quello di prepararsi, prevenire e rispondere a emergenze interne, in particolare quelle legate al terrorismo. Il Dipartimento di Sicurezza Interna rappresenta anche la fusione di diverse funzioni e responsabilità federali, includendo 22 agenzie governative in una singola organizzazione.

La polizia di sicurezza interna è coordinata alla Casa Bianca dal Consiglio di Sicurezza Interna. Altri dicasteri con un rilevante ruolo di sicurezza interna sono il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani, quello della Giustizia e quello dell'Energia.

Con più di 200.000 dipendenti, il Dipartimento della Sicurezza Interna è il terzo dipartimento più grande del Gabinetto, dopo il Dipartimento della Difesa e quello dei Veterani.[senza fonte]

Il livello di attenzione per la Sicurezza interna[modifica | modifica sorgente]

La scala dei livelli di attenzione per i rischi terroristici

Il 12 marzo 2002 venne creato il Sistema di identificazione del Livello di Sicurezza Interna, un codice a colori che indica una scala di pericolo terroristico, come risultato di una direttiva presidenziale che potesse fornire un "comprensibile ed efficace strumento informativo riguardo al rischio di attacchi terroristici al Governo, allo Stato e alle autorità locali e ai cittadini americani."

Il secret service[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi United States Secret Service.

Dal 2003 dipende dal Dipartimento anche il United States Secret Service che è responsabile della protezione del Presidente USA, del vice e degli ex presidenti, ma si occupa anche di frode finanziaria e criminalità informatica.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]