Dendrosenecio kilimanjari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Senecio gigante
Senecio kilimanjari.jpg
Pianta di Dendrosenecio kilimanjari
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Asterales
Famiglia Asteraceae
Sottofamiglia Asteroideae
Tribù Senecioneae
Genere Dendrosenecio
Specie D. kilimanjari
Classificazione APG
Regno Plantae
(clade) Angiosperme
(clade) Eudicotiledoni
(clade) Tricolpate basali
(clade) Asteridi
(clade) Euasteridi II
Ordine Asterales
Famiglia Asteraceae
Sottofamiglia Asteroideae
Tribù Senecioneae
Nomenclatura binomiale
Dendrosenecio kilimanjari
(Mildbr.) E.B.Knox, 1993
Sinonimi
  • Bas.: Senecio kilimanjari Mildbr., 1922
  • Senecio johnstonii subsp. kilimanjari
    (Mildbr.) C.Jeffrey, 1986

Il senecio gigante (Dendrosenecio kilimanjari (Mildbr.) E.B.Knox, 1993) è una pianta a fiore (angiosperma) appartenente alla famiglia delle Asteraceae.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Hanno lunghi tronchi, che raggiungono anche i 7–10 m di altezza, che fungono da serbatoi di acqua. Una rosetta di foglie carnose e appuntite forma l'apice proteggendo le gemme vegetative dalle basse temperature. Quando muoiono, le foglie si essiccano e restano saldamente inserite al tronco formando uno spesso strato isolante.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

È una specie endemica del Kilimanjaro (Tanzania).[1]

Cresce nella zona di brughiera del Parco nazionale del Kilimanjaro, da 2.700 m a 4.000 m di altitudine.

Impollinazione[modifica | modifica sorgente]

L'impollinazione del Dendrosenecio kilimanjari è prevalentemente ornitogama e viene compiuta dalla Nectarinia johnstoni.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Knox E.B, The Species of Giant Senecio (Compositae) and Giant Lobelia (Lobeliaceae) in Eastern Africa in Contr. Univ. Mich. Herb. 1993; 19: 241-257.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Funk V.A., Susanna A., Stuessy T.F. and Robinson H., Classification of Compositae in Systematics, Evolution, and Biogeography of Compositae, Vienna, International Association for Plant Taxonomy (IAPT), 2009.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica