D-Ream On Volume 1

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.png
Il titolo di questa voce non è corretto per via delle caratteristiche del software MediaWiki. Il titolo corretto è D:Ream On Volume 1.
D:Ream On Volume 1
Artista D:Ream
Tipo album Studio
Pubblicazione 18 ottobre 1993
Durata 47 min : 31 s
Dischi 1
Tracce 10
Genere Musica elettronica
Rhythm and blues
Soul
Ballata
Dance
Synth pop
Pop rock
Pop
Etichetta Magnet Records / Warner
Produttore D:Ream
& Tom Frederikse
per la Pumphouse Sounds Inc. / FXU
Arrangiamenti Peter Cunnah
Registrazione 1991 - 1993
Aosis Studios (registrazione)
Roundhouse Recording Studios (missaggio in 'T'Sound)
Note l'album ha prodotto 7 singoli (in realtà 6, dato che Star e I Like It costituivano un «doppio lato A»), alcuni dei quali ristampati più volte;

contiene la Numero 1 britannica Things Can Only Get Better;

comprende:
1 Top 10
(la seconda ristampa di U R The Best Thing),
2 Top 20
(la prima ristampa di U R The Best Thing e Take Me Away),
4 Top 30
(la prima stampa di Things Can Only Get Better, Unforgiven, Blame It on Me, e il singolo doppio lato A Star - I Like It)
e 1 Top 75
(la prima stampa di U R The Best Thing);

il brano Glorious include un parlato in lingua portoghese, eseguito da Liliana Chacian.
D:Ream - cronologia
Album precedente
Album successivo
(1995)

D:Ream On Volume 1 è l'album di debutto della band britannica pop rock, synthpop e dance dei D:Ream, pubblicato alla fine del 1993, dalla Magnet Records, con la distribuzione della major Warner Music, e la gestione della FXU Management. L'album è entrato nella Top 5 della classifica inglese, arrivando esattamente al Numero 5. Il gruppo dei D:Ream era onnipresente nella prima parte degli anni novanta, e le loro canzoni erano continuamente trasmesse dalle radio e ballatissime nelle discoteche. Si tratta di un technopop standard, anche se i brani inclusi su quest'album in particolare sono piuttosto assortiti, da un punto di vista stilistico: il brano di apertura, Take Me Away, è un bel pezzo di pop / dance, che trascina l'ascoltatore col suo ritmo serrato (ma perde un po' nel remix, più blando e di gran lunga meno incisivo, realizzato per l'uscita su singolo) e un testo pieno di speranze per un futuro migliore; la più intensa I Like It suona come un grido liberatorio, dai risvolti sessuali, soprattutto nell'azzeccato ritornello, con l'esplosione sull'urlo della corista (non una qualsiasi, ma Linda Duggan, abbastanza conosciuta e altrettanto apprezzata, terza corista più importante dei Culture Club, dopo Helen Terry e Zee Asha Cowling), che viene dilatato e prolungato, fino a trasformarsi nel gemito sensuale «I like it» ("mi piace") del titolo; So Long Movin' On è un brano più cupo e imbronciato, ma comunque piacevole all'ascolto; Glorious è caratterizzata da un ritmo latino-americano sexy e ballabile; Blame It On Me è una canzone dai ritmi accentuati, che commuove e fa muovere, maggiormente orientata verso il soul più classico; il brano di chiusura, Star, rappresenta addirittura un'incursione nel rinato genere della ballata, e costituisce il finale perfetto di un album dance e pop uptempo per 9/10. Quanto a Things Can Only Get Better, brano ispirato e portatore di un messaggio positivo («le cose non possono far altro che migliorare»), non c'è molto da dire: estratto come singolo per due volte, durante il doppio anno promozionale dell'album, Things Can Only Get Better ha raggiunto il Numero 24 alla prima uscita, alla fine del 1993, diventando poi una celebre Numero 1, con la successiva ristampa, all'inizio del 1994. La canzone ha raggiunto la vetta anche nella classifica dance statunitense, ed ha riscosso un grande successo internazionale, così come l'intero album.

Nel complesso, D:Ream On Volume 1 presenta 10 tracce, a cavallo tra synthpop e dance upbeat, con incursioni nel soul, nell'R&B e nella ballad, in genere piacevoli e ben costruite, anche se, probabilmente, nessuna delle 10 resterà mai nella storia della musica leggera, esclusa forse la Numero 1, più che per meriti intrinseci, per il fatto di essere stata successivamente adottata come inno ufficiale dal Partito Laburista Inglese, durante le elezioni generali del 1997, anno in cui il singolo è stato pubblicato per la terza volta, raggiungendo un rispettabilissimo Numero 19. Dall'album sono stati estratti ben 7 differenti singoli (tecnicamente, soltanto 6, perché Star e I Like It costituivano un cosiddetto «doppio lato A»), alcuni dei quali ripubblicati più di una volta. Quelli usciti prima della Numero 1 sono stati dei successi minori nella madrepatria, mentre quelli usciti dopo sono stati tutti più o meno grandi successi nazionali e/o internazionali, che hanno goduto di un gran numero di passaggi radiofonici. Nel dettaglio, la prima stampa di U R The Best Thing non è andata oltre il Numero 72 nella UK Top 75; la prima stampa di Things Can Only Get Better si è fermata al Numero 24; la ristampa di U R The Best Thing ha ottenuto molto più successo della precedente, raggiungendo il Numero 19; Unforgiven è arrivata fino al Numero 29; il singolo doppio lato A Star - I Like It ha raggiunto il Numero 26. Quindi, la ristampa di Things Can Only Get Better è arrivata in vetta alla classifica britannica dei singoli, e, dal punto di vista del successo commerciale, la musica è, per così dire, cambiata: U R The Best Thing, pubblicata per la terza volta, è finalmente salita fino al Numero 4; Take Me Away è arrivata al Numero 18; Blame It On Me, l'ultimo singolo estratto dall'album, si è fermata al Numero 25. La promozione del long playing continuerà per quasi due anni, praticamente fino all'uscita di Shoot Me with Your Love, il primo singolo tratto dal secondo album, World, nel 1995.

Tracce[modifica | modifica sorgente]

  1. Take Me Away - 3:42 (Peter Cunnah)
  2. U R The Best Thing - 6:00 (Peter Cunnah)
  3. Unforgiven - 4:21 (Peter Cunnah/Al Mackenzie)
  4. I Like It - 4:27 (Peter Cunnah)
  5. Glorious - 6:01 (Peter Cunnah/Al Mackenzie)
  6. So Long Movin' On - 5:10 (Peter Cunnah)
  7. Picture My World - 5:39 (Peter Cunnah)
  8. Blame It On Me - 3:43 (Peter Cunnah)
  9. Things Can Only Get Better - 4:14 (Peter Cunnah/Jamie Petrie)
  10. Star - 4:14 (Peter Cunnah)

Credits[modifica | modifica sorgente]

Musicisti[modifica | modifica sorgente]

Altre voci e cori[modifica | modifica sorgente]

  • Liliana Chacian: voce, parlato in portoghese #5
  • Linda Duggan: cori #8, 4, 3, 1
  • Jamie Petrie: cori #9, 8
  • Donna Gardier: cori #7, 6
  • Peter Crooner: cori #9
  • Kathleen Pearson-Thomas: cori #9
  • Dylis Duku: cori #9
  • Delphi Newman: cori #9
  • D'Borah Asher: cori #2

Produzione[modifica | modifica sorgente]

  • 3M: attrezzature per la registrazione @ Aosis Studios
  • 'T'Sound: device per il missaggio @ Roundhouse Recording Studios

Staff[modifica | modifica sorgente]

Dettagli prodotto[modifica | modifica sorgente]

Paese Data Etichetta Formato N° Catalogo
UK 18 ottobre 1993 Magnet Records / Warner Music CD 4509-93371-2

Collegamenti esterni e riferimenti bibliografici[modifica | modifica sorgente]

  • www.d-ream.net: Sito ufficiale dei D:Ream
  • Discogs: D:Ream On Volume 1 - dettagli prodotto e link a tutti i performer sull'album
  • Discogs: Bio-discografia dettagliata dei D:Ream, con link a tutte le pubblicazioni del gruppo
  • EveryHit.com: UK Top 40 Database
  • Paul Gambaccini, Tim Rice, Jonathan Rice (1995), British Hit Singles, Guinness Publishing